Applicazioni e soluzioni

Application Case

Videosorveglianza integrata per un parcheggio multipiano a Treviso

25/04/2013

Stato di fatto ed esigenze del committente

 

La struttura sulla quale è stato compiuto un complesso intervento di riqualificazione, comprensivo dell'inserimento di un sistema di videosorveglianza e antiaggressione, è un parcheggio multipiano, il Dal Negro Urban Parking a Treviso, prossimo al centro della città e comodo da raggiungere. Il progetto, interamente sviluppato da Secur System in collaborazione con alcuni fornitori, ha rispettato le più moderne teorie della Green Philosophy, prevedendo anche l’ottimizzazione delle tariffe e dei servizi ad esso collegati. La saltuaria presenza del personale di servizio rendeva innanzitutto necessaria la presenza di un sistema di sicurezza gestibile da remoto e che svolgesse, grazie alla visibilità del sistema di videosorveglianza, anche un'importante funzione deterrente, mirata, tra le altre cose, a favorire l’utilizzo del parcheggio dall’utenza femminile, più sensibile ai problemi della sicurezza.

 

La tecnologia messa in campo

 

L'obiettivo è stato raggiunto installando un capillare sistema di videosorveglianza sui 7 piani (15 semipiani) ascensori ed aree esterne. Ad ogni telecamera significativa – tutte del tipo Megapixel e dotate di ingressi allarme e audio bidirezionale – sono stati collegati un pulsante per l’attivazione della chiamata di emergenza e un sistema citofonico. Oltre a visionare 24h su 24h le telecamere ciclicamente per gruppi di otto, il centro operativo remoto viene allertato da un segnale sonoro e dal primo piano della telecamera interessata dalla chiamata. Il citofono entra automaticamente in ascolto ambientale e il cliente può dialogare immediatamente con l’operatore. Ogni piano è stato inoltre dotato di un potente sistema di diffusione sonora, utilizzabile dall’operatore per inviare da remoto i messaggi di allertamento trasmessi dagli altoparlanti. L’amplificatore di piano è collegato all’ingresso audio di una telecamera.

 

Essendo ciascuna telecamera dotata di un proprio indirizzo IP, è possibile richiamare in caso di necessità l’immagine in primo piano e l’ascolto ambientale desiderati, oltre che inviare messaggi sugli altoparlanti del piano interessato. Sono state installate 60 telecamere da 1,2 Megapixel; tre potenti server, due dei quali per la registrazione locale e uno per la trasmissione remota; 7 amplificatori sonori, specificatamente modificati per adattarsi agli ingressi audio delle telecamere, che gestiscono ognuno 4 altoparlanti per piano. Il tutto confluisce in una rete LAN in Cat5, costruita allo scopo. Vista la mole dei dati, il collegamento remoto è garantito dall’utilizzo di una fibra ottica stesa da un operatore telefonico locale. Da segnalare l’originale utilizzo delle telecamere Megapixel utilizzate, in particolare per la parte audio. Questo ha consentito di sviluppare un sistema integrato di videosorveglianza, antiaggressione, antitaccheggio e allertamento generale, gestibile localmente e da remoto tramite rete LAN.

 

La complessità dell'intervento, portato a termine in circa un mese e mezzo di lavoro da due squadre di due persone, ha comportato alcune difficoltà, sia a livello progettuale, sia sul piano esecutivo. A determinarle la grande quantità di telecamere Megapixel e la valutazione e gestione dei flussi sia localmente, sia in remoto. Anche l'utilizzo degli ingressi di allarme e audio delle telecamere ha creato qualche difficoltà, avendo comportato modifiche di fabbrica e costruzioni ad hoc per la parte audio, per l’integrazione tra sistemi in modalità mai sperimentata prima, con il rischio che il risultato potesse non essere soddisfacente per il cliente. Quest'ultimo, il Centro Polifunzionale Dal Negro, è invece rimasto completamente soddisfatto dall’esito finale, che ha pienamente corrisposto alle sue aspettative. Questa installazione è stata candidata al prestigioso premio H d’oro 2012 per gli impianti realizzati nell’anno 2011. Il premio è stato lanciato nel 2006 da HESA Spa ed è ora passato sotto la governance di Fondazione Enzo Hruby, che con il Premio condivide la finalità di promuovere la professionalità delle imprese di installazione e, nello specifico del Concorso, di valorizzare la qualità e l’originalità delle realizzazioni.

 

www.accadoro.it



pagina precedente