Applicazioni e soluzioni

Focus Product

Sicurezza e domotica in un’App per smartphone e tablet

04/12/2012

Una decina d’anni fa si vendeva un comunicatore telefonico ogni tre impianti circa. Prima ancora, la chiamata telefonica era una rarità. Del resto, un tempo mille occhi osservavano i movimenti degli intrusi: vicini, parenti, tutti erano all’erta. Oggi, nei tempi dell’indifferenza e della mobilità, non è più pensabile vendere un sistema d’allarme senza un qualche avvisatore di chiamata. Chi ha risorse si appoggia alla vigilanza, chi ne ha ragione si connette alle forze dell’ordine, ma lo spettro del “falso allarme” o delle chiamate improprie è sempre in agguato. Oggi, però, la tecnologia ci soccorre: le risorse dei nuovi smartphone e della connessione dati che ci consentono di navigare in internet, di inviare e di rispondere alle mail, perché non dovrebbero permetterci di sovraintendere anche all’impianto di allarme?

Non solo centrale

Wolf Safety ha raccolto la sfida e presentaGenesy, una centrale d’allarme fortemente innovativa: nelle dimensioni compatte di una tastiera gestisce un intero sistema di allarme da 1 a 75 linee miste, filari o wireless, che non solo protegge ogni ambiente in tutte le situazioni, ma è anche in grado digestire funzioni di domoticacome automatismi di cancelli, porte, chiusura tapparelle, attivazione di telecamere TVCC, comando del riscaldamento, accensione e spegnimento luci, ora anche direttamente da remoto con il proprio smartphone o tablet. Le funzioni domotiche sono intese come quegli automatismi quotidiani che semplificano la vita senza imprigionarci in procedure, menù o nella ricerca affannosa di telecomandi e controlli vari. L’uso semplice del nostro telefono/compagno è senz’altro più immediato. A questo scopo Genesy dispone di una comoda connessione per la programmazione locale da PC e anche per il collegamento del modulo Wi-Fi, che consente la trasmissione IP tramite l’ADSL di casa.

App per smartphone e tablet

Con la nuova App per I-Pad e I-Phone, “Wolf Casa Mia”, l’utente può interagire con la sua centrale Genesy dal suo smartphone e da qualsiasi luogo. Da sottolineare che Genesy è una centrale di allarme particolarmente orientata ad ambienti residenziali, per diversi fattori: 1) dimensioni ridotte di una tastiera per la massima discrezione, tutta a favore della sicurezza; 2) impostazioni di accensione intuitive per parziali, più consone ad un ambiente residenziale; 3) semplicità assoluta per l’utente, che ora si integra in un controllo a distanza ancora più immediato. L’applicazione Casa Mia, specifica per Apple, prevede innanzitutto una notifica in caso di allarme. In qualsiasi momento potrà comunque essere aperta la App con la pagina di accesso in cui si devono identificare la centrale (impianto) e l’utente.

Questo consente all’utente di tenere sotto osservazione più impianti (es. abitazione principale + casa di villeggiatura + negozio). La pagina successiva dispone dei comandi nelle varie configurazioni a scelta del cliente, per l’impianto di allarme che è stato selezionato. Questa parte di comandi è sdoppiata in una seconda pagina per i comandi domotici eseguibili con le stesse modalità e sempre comunque autorizzati da un codice. Diventa così facile controllare la presenza della domestica dal codice di spegnimento e verificarne la corretta riaccensione, accendere delle luci dissuasiva la sera, controllare l’impianto di riscaldamento ecc. Nella parte di visualizzazione dell’impianto, l’utente ne controlla lo stato di accensione, linee aperte o linee in allarme visualizzate con lo stesso nome del display in tastiera. E’ possibile anche visualizzare a distanza l’intera memoria eventi e questo torna utile quando la verifica non è tempestiva rispetto alla segnalazione di allarme.

Discriminazione degli allarmi

Un impianto ben strutturato, con livelli di protezione concentrici e crescenti consente di distinguere un’intrusione da un allarme improprio - che di norma è isolato, ben localizzato e interviene su un solo livello. L’esempio facile di un solo volumetrico interno in allarme, senza alcun intervento sulla protezione perimetrale, può portare con relativa certezza a considerare l’allarme come improprio. L’utente, in questo caso e in mancanza di possibilità di intervento sul posto, è in grado di interrompere l’allarme disattivando e reinserendo l’impianto. In caso di presuntoguasto di una linea, rivelatore o contatto, l’utente può anche semplicemente “isolare” quel punto e riattivare tutto l’impianto. Tutte le pagine funzionali della App sono selezionate dall’utente con icone. Nei programmi di sviluppo di Wolf Safety sono già inserite le applicazioni per i maggiori sistemi operativi di altri smartphone.

Teleassistenza

Anche l’installatore, con il software WEM “Wolf Easy Maintenance”, può configurare rapidamente la centrale ed eseguire la manutenzione dell’impianto di allarme dal proprio PC localmente connesso alla centrale, ma - su abilitazione del cliente - anche a distanza, in teleassistenza. Questo apre nuove prospettive di supporto al cliente, ma anche di lavoro per l’azienda di installazione che, a fronte di una buona progettazione, può impiegare personale abile al cablaggio ma meno esperto nella configurazione del sistema, che potrà essere effettuata e archiviata direttamente dall’ufficio da personale qualificato.

www.wolfsafety.it


Tag:   Wolf Safety,   domotica,  

pagina precedente