Applicazioni e soluzioni

Prodotti

IndigoVision migliora la sicurezza di una raffineria petrolifera in Lituania

22/03/2012

EDIMBURGO (UK) - A causa dell'estensione del territorio interessato dallo stabilimento, una raffineria di petrolio chiamata Orlen Lietuva, a Mazeikiai, in Lituania, il personale non era in grado di monitorare tutta l'area. Ora può farlo, grazie all'architettura distribuita e alla soluzione video IP di IndigoVision. Le zone remote, irraggiungibili in precedenza, sono infatti ben sorvegliate e il personale è in grado di visualizzare un maggior numero di flussi video, coprire diverse zone e controllare procedure di sicurezza e problemi tecnici da una delle cinque sale di controllo. Erano 256 le telecamere analogiche a cui, prima dell'installazione delle nuove di IndigoVision, Orlen Lietuva si affidava per monitorare la totalità delle operazioni. Le telecamere lavoravano a capacità quasi massima e l'espansione della rete trovava ostacoli per via degli elevati costi di cablaggio e per la distanza limitata che la vecchia tecnologia poteva coprire.

Euroelektronika, il partner locale di IndigoVision, ha avanzato la proposta di adottare una soluzione IP per raggiungere le zone più lontane, consentendo a un numero più ampio di persone di visualizzare i flussi video e fornire accesso a informazioni sulle procedure e sulla sicurezza. Novanta delle preesistenti telecamere sono state riutilizzate: sono state connesse ai codificatori IndigoVision e sono state aggiunte 12 telecamere a cupola PTZ IndigoVision 9000. Le rimanenti sono ancora collegate alla rete analogica e nei prossimi 5 anni verranno convertite alla tecnologia IP. Questa soluzione ibrida non sarebbe stata installabile senza l'architettura aperta di IndigoVision. L'architettura distribuita della soluzione ha permesso infatti di installare videoregistratori di rete in prossimità delle telecamere in diverse zone, riducendo il carico sulla rete stessa.

Grazie alle prerogative del sistema, molti siti remoti (si pensi che alcuni si trovano a oltre 100 km di distanza) comprensivi di una stazione ferroviaria e un terminale petrolifero, sono ora monitorati dal sistema di sorveglianza, come sottolinea con soddisfazione Bronius Balciunas, Director of Security and Corporate Control presso Orlen Lietuva, che ha rilevato anche il contenimento dei costi complessivi di installazione. Grazie a "Control Center", gli operatori visualizzano i video in tempo reale e registrati tramite workstation situate in cinque dipartimenti: sicurezza, monitoraggio e controllo dei processi, logistica, protezione antincendio e amministrazione. In una stessa finestra possono essere visualizzate e sincronizzate temporalmente le riprese registrate da diverse telecamere.

L'utilizzo della rete video IP da parte degli operatori riguarda la videosorveglianza ma non solo: è infatti possibile monitorare anche la posizione delle valvole ed eventuali perdite alle tubature, verificare la conformità alle procedure di sicurezza da parte del personale. La funzione Activity Controlled Framerate (ACF) delle telecamere IndigoVision riduce notevolmente il traffico di rete complessivo. L'ACF controlla il frame rate del flusso video della telecamera in base alla quantità di movimento presente nella scena. Quando non viene rilevata alcuna attività, il video viene trasmesso con un frame rate minimo; al rilevamento di un movimento, invece, esso viene trasmesso automaticamente al frame rate massimo configurato.

www.indigovision.com


Tag:   IndigoVision,   IP,   videosorveglianza,   tvcc,   telecamere,  

pagina precedente