lunedì, 21 agosto 2017

Solutions Gallery

Solution

Cilindri digitali: senza fili con le funzionalità del cablato

04/07/2017

Proprio perché una struttura ospedaliera dev’essere accessibile a tutti, la sicurezza e la protezione di materiali, edifici e persone è di fondamentale importanza. Di fatto, il continuo andirivieni di medici e infermieri con le più diverse specializzazioni, di personale amministrativo, tecnico e di servizio, di addetti alle pulizie esterni e manutentori, pazienti, visitatori e fornitori che si muovono liberamente nelle strutture, mette a durissima prova le zone sensibili come le centrali tecnologiche, i laboratori di ricerca, le farmacie, i depositi di sostanze pericolose, i magazzini, le casse e i CED. Sono migliaia le persone ed i locali interessati e quando ci si interroga sulla dotazione di sicurezza dei loro varchi di accesso la risposta lascia perplessi: in troppi casi non viene affrontato il tema, con i conseguenti casi di cronaca che ne derivano: furti, contenziosi, compromessa sicurezza dei pazienti.

LA SOLUZIONE

Esistono tuttavia sempre più numerose realtà in ambito sanitario, come un importante ospedale della Romagna, che hanno analizzato il problema constatando la situazione esistente e cercando alternative tecnologiche ormai consolidate. Ciò che non sembra più accettabile per questi istituti è l’affidarsi a sistemi di chiusura meccanici tradizionali che rendono alquanto difficile controllare chi ha accesso a quali spazi ed in quali momenti, a fronte di costi di mantenimento ed organizzativi piuttosto elevati (gestione inefficiente, poca flessibilità). I classici enormi mazzi di chiavi portano con sé fenomeni piuttosto banali ma in netto contrasto con la più basilare valutazione del rischio: copia non autorizzata ed incontrollata, impossibilità di gestire in sicurezza l’utente che arriva/lascia la struttura o di modificare autorizzazioni esistenti in modo rapido e sicuro. Inoltre, non consentono alcuna funzionalità di registrazione degli accessi e di autorizzazione limitata a giorni e fasce orarie specifici. L’avvento ed il consolidarsi dei cilindri digitali sta invece mettendo fine a tutto questo e rappresenta una solida avanguardia nel superamento di tali problematiche. Pur mantenendo un’installazione rapida e senza fili su qualsiasi serratura a profilo europeo, offrono sempre più funzionalità tipiche del convenzionale controllo accessi cablato. Un hardware di assoluta affidabilità, dalle prestazioni sempre più confortanti sul piano delle funzionalità e della durata delle batterie, viene ora inserito in architetture software sempre più flessibili e customizzabili; ciò rappresenta una soluzione in rapida espansione perché accontenta più figure: dagli utilizzatori, ai tecnici, ai manager che pretendono più sicurezza, comfort e ottimizzazione dei processi all’interno della loro struttura ospedaliera.

I BENEFICI

Offrire mezzi di autenticazione sicuri, gestire con un solo transponder radio o chip di prossimità fino a decine di migliaia porte, potersi servire di sistemi on line o di rete virtuale: tutto questo consente di mantenere un impianto di chiusura snello e sempre sotto controllo a fronte delle necessità di cambiamento quotidiane, talvolta su più edifici dislocati sul territorio. Per i decisori che si affacciano su questa nuova tecnologia, la semplice comparazione dei costi di approvvigionamento tra digitale e meccanico non è mai esaustiva, bensì è corredata da aspetti relativi ai costi di esercizio (quanto costa mantenere la sicurezza?) e ai costi nascosti che pesano sui bilanci annuali come conseguenza della non-gestione del rischio e della non-organizzazione (acquisti delocalizzati sui dipartimenti senza logica d’impianto, furti interni di materiali e medicinali, costo orario dell’inefficienza). Inoltre, in tempi di esternalizzazione, la possibilità di consultazione delle aperture fatte consente la verifica dell’effettivo operato delle aziende esterne sulla struttura, ad esempio per manutenzioni o servizi di vigilanza. Ciò che soprattutto fa bene alle aziende sanitarie che ormai da anni utilizzano tali sistemi è il generale cambio di mentalità sia di chi deve ottimizzare i processi, sia di chi vede maggiormente tutelato il suo diritto di accesso ai locali nello svolgimento del proprio lavoro.


maggiori informazioni su:
www.simons-voss.it



pagina precedente
È un progetto in collaborazione con
Ethos Media Group Sicurezza
Fiera Milano, Rho

Sezione dedicata alla valorizzazione delle soluzioni di sicurezza per mercati verticali

Obiettivi

La crescita e l'innovazione tecnologica, accelerata dalla tecnologia IP sta portando il comparto della sicurezza verso la crescita e la consapevolezza che il futuro sono le soluzioni e l'integrazione.

Per questo, quando una soluzione/applicazione è significativa e rappresenta un'eccellenza è giusto lasciarne traccia.

Solutions Gallery vuole quindi raccogliere le soluzioni/applicazioni più significative, create per i mercati verticali, i case history, le idee, che hanno portato alla scelta installativa.

Si parte dallo stato dell'arte e la sfida tecnologica per identificare quale siano le esigenze del committente.
Si passa alla tecnologia messa in campo, quindi viene descritta la soluzione adottata, per poi passare al vantaggio per la committenza.
Il tutto raccontato in modo semplice e pratico, descrivendo la location, la tipologia dell'installazione, i tratti salienti del sistema, le funzionalità principali, il tutto esprimendo le potenzialità dell'applicazione e il vantaggio che ne deriva.