mercoledì, 23 agosto 2017

Solutions Gallery

Solution

Video analisi e business intelligence

19/06/2017

La Problematica

Dagli ottanta in poi le aziende hanno avvertito l’esigenza di agire in modo più attivo sul mercato, comprendere meglio le esigenze ed i comportamenti dei consumatori, comunicare con loro, pianificare strategie di vendita e comunicazione più moderne e, quindi, proporre il proprio prodotto nel modo più efficace possibile. Diventa rilevante conoscere e soddisfare in anticipo i bisogni e i desideri della potenziale clientela, individuare, creare e fornire valore per soddisfare le esigenze dei clienti acquisiti e conquistare nuove quote di mercato. Le piattaforme di commercio online hanno aperto nuovi scenari di strategia di vendita, instaurando dei canali diretti di contatto con il cliente finale meno intermediati dalla rete di distribuzione e di vendita. In un negozio online l’utente che vi accede incontra dei percorsi prestabiliti e obbligati, all’interno dei quali potrà muoversi, valutare e interagire in base a delle opzioni specifiche; contemporaneamente l’azienda avrà a disposizione immediatamente dei dati oggettivi sul comportamento del cliente, dei numeri e delle statistiche per migliorare il servizio e rendere più efficaci le proprie strategie di proposta commerciale. Ma questo avviene nel mondo del web; nel mondo reale e, nello specifico, all’interno di un esercizio commerciale, tutto ritorna invece alle dinamiche delle relazioni sociali, dove la variabile umana non prevede percorsi obbligati. Nell’interazione tra una proposta e un potenziale consumatore, da una parte abbiamo una entità fissa, un prodotto, che deve esser fatto conoscere e venduto; dall’altra abbiamo una persona, i suoi gusti, preferenze e comportamenti, una variabile. 

È proprio in questo contesto che entra in gioco la soluzione di Video Analisi e Business Intelligence sviluppata da Canon Pro Imaging Group e Discovery Reply, un innovativo sistema in grado di abbinare le caratteristiche di una telecamera di videosorveglianza a quelle di uno strumento di Video Analisi per la raccolta di dati statistici, offrendo in questo modo un importante strumento a supporto delle analisi di marketing. Grazie al Sistema Business Imaging Intelligence, il negozio fisico diventa osservabile e le sue prestazioni misurabili con metriche simili a quelle sviluppate e consolidate per i siti e-commerce. Scuole, negozi, aeroporti, stadi, ospedali, banche o centri commerciali hanno adesso a disposizione uno strumento capace di fornire una precisa analisi dei flussi del pubblico e degli approcci comportamentali di fruizione all’interno dei diversi ambienti, garantendo allo stesso tempo un maggior controllo delle aree sensibili e maggior prevenzione dei crimini e degli incidenti. Una delle prime aziende che si è interessata al Sistema Business Imaging Intelligence è stata Conad del Tirreno, società cooperativa che è parte della più grande organizzazione italiana di imprenditori indipendenti per rete commerciale e quota di mercato, attiva sin dagli anni Sessanta nella grande distribuzione e presente su tutto il territorio nazionale. 

La Soluzione

Significative ed esemplificative sono alcune delle domande che una azienda come Conad del Tirreno si era posta: “Quali sono i principali flussi dei visitatori all’interno dello store?”, “Quali sono i percorsi più battuti, quali le zone a maggiore frequentazione?” Un’altra esigenza che Conad aveva manifestato era quella di comprendere le dinamiche comportamentali dei visitatori, per cui alcuni reparti dello store risultavano a loro sensazione meno frequentati di altri. 

Il sistema di Video Analisi e Business Intelligence ha dato risposte a tali domande, talvolta perfino sorprendenti, restituendo dati qualitativi e quantitativi, aggiornati in tempo reale, dedotti dalle osservazioni di alcune zone dello store e costruendo una vera e propria mappa in tempo reale delle situazioni e delle dinamiche che si svolgono all’interno dell’esercizio commerciale. 

Per esempio, possiamo conteggiare i visitatori che entrano ed escono da una particolare area di riferimento, determinare il flusso di persone rilevato in specifici intervalli di tempo e anche stimare il numero di persone presenti all’interno del negozio, a partire dalla somma di ingressi ed uscite per tutti i varchi di accesso che sono stati messi sotto osservazione. 

La soluzione BII è stata utile per esempio nel fornire dati oggettivi del traffico e del comportamento degli utenti in un preciso settore del punto vendita, dati che sono stati successivamente avvalorati incrociandoli con le transazioni di cassa e dimostrando, quindi, la non completa veridicità delle sensazioni soggettive originali. Per un certo periodo di tempo è stata inoltre messa sotto osservazione (senza registrare video, né rilevare caratteri personali dei clienti) la zona di ingresso dello store, per contare i visitatori che entrano o che escono senza acquistare. Un’osservazione simile è stata eseguita anche in una zona ben precisa dello store per contare il numero di visitatori che entravano ed uscivano dalla stessa. Tali dati analitici, insieme ai dati qualitativi sulla minore o maggiore frequentazione di alcune zone dello store, rilevati tramite delle tecniche non invasive di “mappe calde”, hanno permesso di individuare le dinamiche dei flussi di visitatori all’interno dello store stesso. 

I benefici

Come rappresentato nella figura, i dati delle osservazioni provenienti da ciascuna camera vengono prima normalizzati e poi geoproiettati sulla piantina dello store, usando un gradiente di colori che varia dal rosso (zone più frequentate) al blu (zone meno frequentate). 

Dopo un periodo di osservazione concordato, sono state fornite al cliente una serie di informazioni che lo hanno supportato nella definizione delle azioni necessarie per il miglioramento delle problematiche riscontrate. La prima azione è stata un riposizionamento delle camere per eseguire una nuova osservazione di dettaglio ed ottenere ulteriori conferme. A valle di questa secondo periodo di osservazione verranno identificate ulteriori azioni. 

Sorgente del Sistema Business Imaging Intelligence sono le telecamere Canon di sicurezza di rete MiniDome fisso in HD, dotate di obiettivo ultracompatto di nuova generazione. Le immagini vengono elaborate dal software di video-analisi Discovery Reply e tutte le informazioni statistiche sono poi consultabili via web browser su PC o Tablet attraverso una dashboard personalizzabile. 

Al termine del periodo di osservazione il committente, in questo caso Conad, avrà a disposizione una serie di dati oggettivi, numeri e statistiche, che saranno preziosi ai fini delle strategie di marketing e di merchandising future, per comprendere esigenze, desideri e comportamenti della propria clientela, migliorare la comunicazione e proporre infine i propri prodotti nel modo più efficace possibile. A seguito di questa esperienza con Conad, possiamo affermare che Canon e Discovery Reply si dimostrano ancora una volta partner ideali per la consulenza e lo sviluppo delle soluzioni tecnologicamente più avanzate in grado di implementare e consolidare il business di una azienda. Nota: il sistema espone su una dashboard web personalizzabile i dati statistici dedotti dalle elaborazioni in tempo reale del flusso di streaming video proveniente dalle varie camere. Nessuna informazione personale viene acquisita o registrata, rispettando 


maggiori informazioni su:
www.canon.it



pagina precedente
È un progetto in collaborazione con
Ethos Media Group Sicurezza
Fiera Milano, Rho

Sezione dedicata alla valorizzazione delle soluzioni di sicurezza per mercati verticali

Obiettivi

La crescita e l'innovazione tecnologica, accelerata dalla tecnologia IP sta portando il comparto della sicurezza verso la crescita e la consapevolezza che il futuro sono le soluzioni e l'integrazione.

Per questo, quando una soluzione/applicazione è significativa e rappresenta un'eccellenza è giusto lasciarne traccia.

Solutions Gallery vuole quindi raccogliere le soluzioni/applicazioni più significative, create per i mercati verticali, i case history, le idee, che hanno portato alla scelta installativa.

Si parte dallo stato dell'arte e la sfida tecnologica per identificare quale siano le esigenze del committente.
Si passa alla tecnologia messa in campo, quindi viene descritta la soluzione adottata, per poi passare al vantaggio per la committenza.
Il tutto raccontato in modo semplice e pratico, descrivendo la location, la tipologia dell'installazione, i tratti salienti del sistema, le funzionalità principali, il tutto esprimendo le potenzialità dell'applicazione e il vantaggio che ne deriva.