domenica, 25 febbraio 2018

News

Business & People

IoT e smart city, nel 2026 ricavi a 62 miliardi di dollari

29/01/2018

MILANO - Cresce e si amplia il panorama delle tecnologie e dei servizi smart city, grazie all'introduzione negli ultimi anni dell’Internet of Things (IoT) il livello generale di innovazione tecnologica è infatti cresciuto e ha aperto la strada all’integrazione delle nuove soluzioni per la trasformazione digitale (DX).

Nel 2017 i ricavi del segmento IoT per il mercato smart city sono ammontati a 25 miliardi di dollari e, stando alle nuove stime ABI Research, nel 2026 il comparto dell’Internet delle cose per l’ecosistema urbano varrà oltre 62 miliardi di dollari. Il dato è stato calcolato a partire dall’utilizzo di diverse applicazioni smart city e delle tecnologie WAN (Wide Area Network), tra cui l’automazione dei sistemi di sicurezza, riscaldamento, illuminazione, idrici, ventilazione e altro degli edifici (Commercial building automation), i device di comunicazione di prossimità (digital signage), i sistemi intelligenti di trasporto (ITS), i chioschi digitali pubblici per l’informazione in tempo reale su quanto accade in città, i punti di ricarica per veicoli elettrici, i cestini dei rifiuti digitalizzati, interattivi e connessi in rete (smart bins), sensori ambientali (environment sensors), smart grid, soluzioni per facilitare i parcheggi (smart parking), illuminazione di nuova generazione e hot spot multiservizi (smart street lighting), reti di videosorveglianza, smart meters per l’energia elettrica, l’acqua ed il gas.

La sicurezza, settore con maggiori opportunità di business

“La catena del valore dell’Internet of Things si rivolge sempre più direttamente al mercato dei prodotti e dei servizi per la smart city – commenta Dominique Bonte, vicepresidente di ABI Research – e tutti i fornitori di tecnologie stanno rapidamente riposizionandosi, ottimizzando il proprio portfolio IoT per sfruttare il nuovo trend”.

Lo studio indica anche che i settori che presentano le maggiori opportunità di business risultano essere e saranno in futuro quelli della sicurezza (fisica e virtuale), dei trasporti e della mobilità, dei servizi, dei big data e dell’analytics e dell’intelligenza artificiale.

Tra le soluzioni IoT più innovative e che sfruttano le tecnologie WAN in ambito urbano se ne distinguono due: l'NB-IoT e l’LTE-M.  Stando a un nuovo Report pubblicato da Dell’Oro Group, entrambe potranno dar vita ad un mercato mondiale che in termini di vendite genererà ricavi per 33 miliardi di dollari nel 2022, più del doppio rispetto al dato del 2017.

(Fonte: key4biz) 



pagina precedente