martedì, 23 gennaio 2018

News

Business & People

Droni: “quarta dimensione” della security perimetrale

05/01/2018

MILANO - Il tema della della sicurezza perimetrale nel suo insieme (antintrusione, accessi, videosorveglianza), non può che includere anche la futuristica “quarta dimensione” sperimentata, attualmente, come supplemento tecnologico ai classici sistemi perimetrali: parliamo del complesso e sofisticato mondo dei sistemi SAPR (sistemi di aeromobili a pilotaggio remoto), comunemente conosciuti con il sostantivo "drone".

Da tempo nel mondo della sicurezza attiva è sorta l’esigenza di un quarto ambito applicativo nella “security perimetrale”: una sicurezza (tanto pubblica quanto privata) molto più “interattiva”, complementare a quella tradizionale (TVCC e antintrusione), che dia maggior spazio ai cd droni intelligenti, in grado di interagire nell’era IoT (Internet of Things) con tutti gli altri dispositivi appartenenti a sistemi diversi e collaterali. Alcuni produttori hanno già progettato, realizzato (preserie) e sperimentato soddisfacenti evoluti modelli di SAPR in grado di monitorare esternamente il perimetro della proprietà; oggi si è arrivati a pensarli come l’ulteriore soluzione impiegabile in ambienti chiusi, sviluppando sistemi che permetteranno ai droni di volare in ambienti interni, rilevando persone, attività criminogene oppure insolite, utilizzando specifiche piattaforme hardware e software appositamente sviluppate per questo particolare ambito di operazioni in automatico.

Interfacciandosi con tutta la sensoristica di sicurezza presente al di fuori o all’interno dei perimetri protetti, i SAPR evoluti potranno sincronizzarsi con essa operando in maniera congiunta. Il collegamento campo-utente avverrà attraverso tutta una serie di device (smartphone, tablet, pc) collegati in maniera sicura, crittata, tramite i quali sarà possibile visualizzare in streaming quello che accade internamente alle aree protette o lungo i perimetri esterni. In caso di allarme, il drone effettuerà un sopralluogo in maniera automatica, sfruttando le capacità dell’intelligenza artificiale.

L'articolo di Giovanni Villarosa, laureato in Scienze dell’Intelligence e della Sicurezza, esperto di Sicurezza Fisica per Infrastrutture, Chief Security Officer e Data Protection Officer, approfondisce il tema:

http://www.secsolution.com/articolo.asp?id=534

 



pagina precedente