mercoledì, 13 dicembre 2017

News

Eventi

La nuova privacy UE: “Non un fardello, ma una straordinaria opportunità”, il messaggio di Buttarelli a Sicurezza 2017

16/11/2017

MILANO – Sta per diventare esecutivo il Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali ed “è necessario prepararsi per tempo a questa scadenza del 25 maggio del prossimo anno, che non può essere oggetto di improvvisazione e di un approccio dell’ultimo minuto”. Con un messaggio chiaro e incisivo, un invito all’azione da parte di Giovanni Buttarelli, European Data Protection Supervisor, si è aperto il 16 novembre il convegno dal titolo “GDPR, il nuovo Regolamento Europeo sulla protezione dei dati”, evento centrale del progetto “W la privacy”, ideato e curato per Sicurezza 2017 da Ethos Media Group, editore di a&s Italy, in collaborazione con Fiera Milano e Federprivacy.

In un videomessaggio rivolto agli organizzatori e al pubblico, Buttarelli ha sintetizzato efficacemente i principi innovativi su cui si fonda il nuovo Regolamento Europeo, che richiede a tutti, nel pubblico e nel privato, “un approccio diverso, soprattutto da parte del management, ai temi della protezione dei dati personali, richiede scelte strategiche, impiego di risorse di bilancio e un gioco di squadra, perché non può essere una sola persona o più d’una a svolgere tutti gli adempimenti necessari.”

L’esortazione a una corretta valutazione delle novità introdotte dal Regolamento, è stata affiancata, nel discorso di Buttarelli, all’invito a considerare le straordinarie opportunità di mercato offerte dalla nuova disciplina, sia in termini di nuove figure professionali (DPO, consulenti, esperti di sicurezza informatica...) sia di nuova progettualità, di sistemi software e hardware, legata ai principi della privacy by design e by default

La novità più importante sottolineata da Buttarelli attiene alla cosiddetta accountabiliy, “parola difficilissima da tradurre nel nostro ordinamento” – spiega –  spesso “banalizzata” con il semplice concetto di responsabilità e che invece chiede ai gestori delle informazioni di fare molto di più.

 

E’ possibile scoprire che cosa ascoltando la versione integrale del video
VAI AL VIDEOMESSAGGIO INTEGRALE >>



pagina precedente