giovedì, 23 novembre 2017

News

Business & People

Ricerche online per la smart home: al primo posto c'è la sicurezza

24/10/2017

MILANO - Gli italiani si rivelano sempre ben disposti nei confronti della tecnologia. Il portale ProntoPro.it ha analizzato le richieste legate al mondo dell’automazione casalinga per capire quali siano le esigenze e i desideri degli italiani in questo settore: è emerso che il 30% delle richieste è rivolto ad impianti di videosorveglianza, sistemi integrati di controllo e di illuminazione.

Si conferma quindi prioritaria l'attenzione rivolta alla sicurezza della propria abitazione e anche il "riguardo" all'illuminazione intelligente, oltre che per un fattore di indubbia comodità, conferma questa esigenza diffusa. Al secondo posto si pongono le ricerche (14%), di chi desidera poter presiedere con un solo dito ad apertura e chiusura di porte, cancelli, basculanti, tende, finestre, e altre motorizzazioni, anche da remoto, attraverso interfacce di controllo semplici e intuitive che creano un valore aggiunto ad ogni struttura, in termini di praticità e di sicurezza.

La gestione climatica della casa, che si vorrebbe smart, si trova al terzo posto: il 13% di chi cerca impianti domotici vorrebbe gestire la temperatura in modo intelligente risparmiando sul riscaldamento. Proprio a causa della possibilità di interagire con gli agenti esterni nel rispetto dei principi di risparmio energetico e riduzione dell'impatto ambientale, gli interventi sugli impianti domotici (acquisto, installazione e messa in opera) sono stati inseriti tra quelli per i quali è possibile accedere all’ecobonus, che permette di usufruire di una detrazione fiscale del 65%.

Il 9% delle persone che hanno inserito una richiesta per domotica ambiscono a una smart home che faccia davvero tutto da sola, in grado di coordinare più dispositivi elettronici ed elettrodomestici coinvolgendo ogni aspetto della cura della casa.

Anche gli apparati audio e video (tv, home theatre, Hi-Fi, Dvd player, blu-ray, console, decoder HD etc.) presenti in casa, in ufficio o in qualunque altro luogo possono essere parte di un sistema integrato e l’8% di chi inserisce una richiesta per l’automazione della propria casa lo fa proprio per controllare da remoto i propri sistemi di distribuzione audio e video.

 

 



pagina precedente