marted√¨, 26 settembre 2017

News

Business & People

Certificare per fare la differenza

01/09/2017

MILANO - Quante volte ci siamo trovati di fronte a capitolati di gara privi di restrizioni tecniche e, pertanto, con invito aperto a tutti? Quante e quali aziende si sentono quindi autorizzate a presentarsi ai nastri di partenza, nonostante la specifica richiesta non faccia parte per loro core business? Nel mondo della security quante volte questo accade?

Elettricisti, idraulici, main contractor acquisiscono i servizi di sicurezza a tariffe sotto costo senza pesarne le conseguenze. Si trovano poi, con il prezzo proposto, impossibilitati a recuperare in modo adeguato e lecito i costi oggettivi dei lavoratori e dell’azienda, retribuzioni, contributi, fiscalità, formazione, attrezzature, gestione interna, perché le tariffe con cui si sono aggiudicati la commessa sono parecchio inferiori al costo effettivo.

La domanda perciò è: come fanno ad operare in tali condizioni? Sorge spontaneo il dubbio che, in taluni casi, qualcosa non sia limpido, trasparente, rispettoso delle disposizioni/normative (tasse, contributi, equipaggiamenti, formazione…)

Risponde a questa e ad altre domande l'articolo scritto da Luca Algeri, Direzione Generale Surveye al link che segue: http://www.secsolution.com/articolo.asp?id=481

 



pagina precedente