mercoledì, 20 settembre 2017

News

Business & People

Disposizione in tema di sicurezza pubblica

05/07/2017

ROMA - Il Ministero dell’Interno, nella circolare n. 11464, emanata il 19 giugno scorso dal dipartimento Vigili del fuoco, soccorso pubblico e difesa civile ha emanato una nota che completa il quadro delle disposizioni adottate dopo la calca causata nel centro di Torino da un falso allarme terrorismo, in concomitanza con la proiezione su maxischermo di una finale di calcio in cui giocava la Juventus.

Ogni genere di manifestazione pubblica, a prescindere dalla sua natura e dal tipo di affollamento previsto, dovrà essere valutata con estrema attenzione anche dai sindaci per decidere quali misure di sicurezza sia opportuno adottare. La valutazione va poi effettuata dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

La prima circolare era stata emanata il 7 giugno ed era diretta alle forze dell’ordine. La seconda chiarisce in primo luogo il ruolo dei Comuni, ai quali spetta attivare tutte le verifiche preliminari per evitare il sovraffollamento ed effettuare una valutazione complessiva dei rischi.

Operazioni da compiere assieme agli organizzatori dell’evento e alle forze dell’ordine. Il risultato delle misure disposte dalle due circolari, nelle intenzioni del ministero, dovrà essere un potenziamento sia dei dispositivi fisici a tutela delle persone (safety), sia dei servizi di ordine e sicurezza pubblica (security).

La circolare del 19 giugno riguarda soprattutto le misure fisiche di sicurezza nelle piazze e comunque durante le manifestazioni, per raccordare i sindaci e la polizia locale con le altre forze dell’ordine nella valutazione. Questa potrà portare a coinvolgere anche il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Viene anche stabilito che, nel caso in cui non siano disponibili apparecchi contapersone, in grado di segnalare in modo immediato quando si sta raggiungendo un numero critico, vanno allestiti varchi d’accesso presidiati e si potrà prevedere l’utilizzo di steward, come avviene per le partite di calcio. Naturalmente questo a prescindere dal fatto che l’accesso alla manifestazione sia gratuito o a pagamento.

La circolare fa riferimento anche all'eventualità che si possano creare situzioni di panico generale, precisando che si tratta di una condizione di rischio non preventivabile né fronteggiabile. Come unica contromisura possibile è indicato un potenziamento della vigilanza antincendio, raccomandando all’organizzatore di chiedere anche la presenza dei Vigili del fuoco. Il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica potrà sempre imporre ulteriori precauzioni, col supporto dei Vigili del fuoco per i dettagli.

 


maggiori informazioni su:
www.ilsole24ore.com



pagina precedente