lunedì, 23 ottobre 2017

News

Business & People

Videosorveglianza, in Valle d'Aosta è più facile per i locali pubblici

08/06/2017

MILANO - “Si tratta di un risultato importante, frutto della collaborazione tra gli uffici della regione e dello Sportello unico, con l’apporto importante dei professionisti. Come enti locali ringraziamo per la sensibilità dimostrata l’Amministrazione regionale”, Jean Barocco, responsabile politico sello Sportello Unico Enti Locali (Suel), commenta la nota esplicativa della Regione Valle d'Aosta, circa l’applicazione della disciplina delle attività di vigilanza su opere e costruzioni in zone sismiche.

Il documento dell’Assessorato regionale opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica, trasmesso allo Sportello unico degli enti locali, evidenzia come l’attività di videosorveglianza del territorio non rientra tra quelle classificabili come “strategiche” per la gestione dell’emergenza sismica, e dunque le relative infrastrutture non rientrano tra quelle previste all’art. 9 della legge regionale n. 23 del 2012 (“Edifici di interesse strategico”).

Le Amministrazioni comunali, i tecnici e i professionisti incaricati possono dunque omettere la denuncia e il deposito delle strutture necessarie alla realizzazione della videosorveglianza, nel caso specifico in cui i pali o i tralicci di sostegno degli apparati presentino un’altezza minore o uguale a 10 metri, ferme restando le disposizioni previste dalla deliberazione di Giunta regionale n. 1090 del 2014.

Tutto questo favorirà l’installazione di sistemi di video sorveglianza e così i cittadini potranno beneficiare di una maggiore sicurezza. “Dopo le istanze facilitate per le autorizzazioni dei dehors e in attesa delle prossime semplificazioni relative alla segnaletica pubblicitaria – sottolinea Barocco - la riduzione degli oneri autorizzativi per gli impianti di videosorveglianza rappresenta un ulteriore passo concreto che il SUEL fa per semplificare impegni e processi in capo agli enti locali, alle imprese e ai professionisti”.

 


maggiori informazioni su:
http://www.valledaostaglocal.it



pagina precedente