giovedì, 14 dicembre 2017

News

Normative

Videosorveglianza e arresto in flagranza differita, primo sì alla Camera al dl sicurezza

17/03/2017

ROMA - Maggiori poteri ai sindaci per la sicurezza nelle città, spese per videosorveglianza fuori dal patto di Stabilità e Daspo per spacciatori di sostanza stupefacenti, possibilità dell'arresto in “flagranza differita” in caso di reati compiuti durante manifestazioni pubbliche riprese da telecamere.

Sono queste le novità più significative contenute nel decreto legge sulla sicurezza urbana che ha ottenuto il 16 marzo scorso il primo sì dalla Camera con 230 voti favorevoli e 56 contrari. Il testo, varato dal Consiglio dei ministri lo scorso 22 febbraio, contiene alcune norme innovative finalizzate a garantire una maggiore sicurezza nei centri urbani.

Come accennato, tra i vari emendamenti al testo approvati dall'Aula di Montecitorio vi è quello che prevede la possibilità dell'arresto in flagranza differita (per i reati in cui l'arresto è obbligatorio) se il reato con violenze a persone o cose è compiuto durante o in occasione di manifestazioni pubbliche e sia stato ripreso da telecamere e in immagini fotografiche. L'identificazione deve avvenire non oltre il “tempo necessario” per arrivare alla identità del reo e comunque entro 48 ore dall'episodio in questione.

I patti previsti dal decreto sono lo strumento concreto di attuazione dei Piani di intervento e sono siglati tra il prefetto e i sindaci, i quali avranno la possibilità di installare sistemi di videosorveglianza, le cui spese saranno svincolate dal patto di Stabilità. Si prevede una spesa di 15 mln di euro a partire dal 2017. Secondo quanto stabilito dal decreto, il sindaco può adottare ordinanze in materia di sicurezza con particolare riferimento alla vendita degli alcolici. Gli altri interventi riguardano situazioni di grave incuria del territorio, ambientale o di altra natura.

Per un approfondimento: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-03-16/videosorveglianza-e-arresto-flagranza-differita-camera-primo-si-dl-sicurezza-092935.shtml?uuid=AEHRcYn

 

 

 



pagina precedente