Notizie

Nuovo incontro tra Regione, Trenitalia e pendolari

29/03/2010

ROMA - Lunedì scorso si è tenuto un incontro tra Regione Lazio, Trenitalia e Comitato Pendolari di Civitavecchia per approfondire alcune questioni, sollevate dai pendolari, alla luce nel nuovo Contratto di Servizio 2009-2014, che ancora non è stato reso pubblico. Hanno partecipato Arcangela Galluzzo, Direttrice dei Trasporti della Regione, Aniello Semplice, Direttore Regionale di Trenitalia, Gian Piero Orsini, portavoce del Comitato e Maurizio Milesi, membro del Direttivo.
"È stato confermato - spiegano gli esponenti del Comitato Pendolari di Civitavecchia - che anche per la FR5 ci sarà una carrozza in più, circa 200 persone, per molti treni. In merito all'ubicazione oraria di un treno aggiuntivo i pendolari hanno proposto la fascia tra le 6,59 e le 7,33, idonea per un diretto Civitavecchia-Ladispoli-Roma senza fermate intermedie. Su tale ipotesi verrà effettuata una verifica tecnica. Entrambe le questioni sono legate all'arrivo di nuovi materiali a partire dal 2011 e fino al 2014. La Galluzzo ha informato dell'intenzione di istituzionalizzare le agevolazioni e il diritto all'utilizzo degli IC/EC con una legge regionale la cui bozza sarà esaminata dal futuro Consiglio. Tale iniziativa, quando concretizzata, porrà il Lazio all'avanguardia tra tutte le regioni italiane. La biglietteria è al di fuori del contratto di servizio in quanto gestita dalla Divisione Passeggeri Nazionale/Internazionale. La condizione necessaria per riportare anche la biglietteria di Civitavecchia nell'ambito del contratto di servizio Regione/Trenitalia, rendendo così praticabile un trattamento identico alle altre biglietterie, è il passaggio di gestione alla Direzione Regionale Lazio. I pendolari hanno chiesto di verificare la possibilità di un tale passaggio. La Galluzzo e Semplice hanno giudicato molto interessante la proposta dei pendolari di far vendere i biglietti dei treni sulle navi direttamente dagli armatori, allo scopo di diminuire la pressione sulla biglietteria; sarà verificata la praticabilità di tale proposta. 156 stazioni laziali, ricadenti nel contratto di servizio, saranno riqualificate, soprattutto sotto il punto di vista della sicurezza, con illuminazione, videosorveglianza e colonnine SOS. Specifici accordi sono stati presi con forze dell'ordine e prefetti. Dove possibile gli spazi liberi saranno destinati ad attività commerciali con il vincolo dell'apertura da 30' prima del primo treno a 30' minuti dopo l'ultimo treno. Semplice ha fornito numero di cellulare ed email per essere avvertito tempestivamente in caso di guasti e disservizi. Tale disponibilità sarà collegata al servizio "Segnala un disagio" offerto tramite www.pendolaricv.org. Durante l'incontro, durato quasi due ore, sono state affrontati anche altri argomenti che non si riportano per esigenze di sintesi". 


maggiori informazioni su:
http://www.trcgiornale.it/news/content/view/34134/45/


Tag:   Regione,   Lazio,   Trenitalia,   Comitato,   Pendolari,   Civitavecchia,   Ladispoli,   Roma,  

pagina precedente