giovedì, 17 agosto 2017

News

Normative

Le sanzioni legate alla dichiarazione di conformità prevista dal DM 37/2008

02/02/2017

BOLOGNA  - E’ noto che, in base a quanto previsto dall’art. 7 del DM 37/2008, l’installatore deve rilasciare al committente, al termine dei lavori e previa effettuazione delle verifiche previste dalla normativa vigente, la dichiarazione di conformità degli impianti .Per saperne di più clicca qui


Cosa fare?

E se ciò non avviene? Quali sono le sanzioni legate al mancato rilascio della dichiarazione di conformità o alla falsità di quanto attestato nel documento?

La mancata o incompleta emissione della dichiarazione di conformità comporta, oltre a responsabilità contrattuali dell’installatore nei confronti del committente, anche le sanzioni amministrative - previste dall’art. 15, comma 1, del DM 37/2008 - del pagamento di una somma da euro 100,00 ad euro  1.000,00, con riferimento all'entità e complessità dell'impianto,  al  grado  di pericolosità ed alle altre circostanze obiettive e soggettive della violazione.

L’installatore deve poi prestare attenzione a quanto attestato nella dichiarazione di conformità perchè la stessa si configura quale certificato e pertanto, nel caso di eventuali falsità riportate nel documento, si può integrare il reato di cui all’art. 481 del codice penale.


Per approfondire

Ethos Academy prosegue la sua campagna formativa in tutta Italia: il tour consente di avere un preciso quadro sui fabbisogni formativi del comparto, e non solo, il TUV Italia ha promosso la certificazione degli operatori della sicurezza ed il corso sulle responsabilità degli installatori è tra i corsi validati e riconosciuti della stesso ente per il percorso di certificazione, vedi: http://www.ethosacademy.it/formazione-security-safety-corso.asp?c=1&id=10

    



pagina precedente