domenica, 22 ottobre 2017

News

Business & People

Arbor Networks: diffusi i dati del Report annuale sulla Sicurezza

17/02/2017

MILANO – Il dodicesimo Worldwide Infrastructure Security Report (WISR) di Arbor Networks sulla sicurezza delle infrastrutture mondiali raccoglie le osservazioni degli esperti di reti e sicurezza che operano presso le maggiori organizzazioni aziendali e i principali provider di servizi di telecomunicazione, cloud e hosting a livello mondiale.

Diverse le tematiche affrontate: dall’identificazione delle minacce alla risposta agli incidenti informatici, passando per la definizione di servizi, personale e budget dedicati a tali attività. Il rapporto si concentra in particolare sulle problematiche operative affrontate ogni giorno dai professionisti della sicurezza informatica e sulle strategie adottate per riuscere a gestirle e mitigarle.

In sintesi, i principali risultati emersi dall’indagine: L’innovazione e l’utilizzo dei dispositivi IoT alimentano lo scenario degli attacchi DdoS; Le conseguenze degli attacchi DDoS diventano sempre più gravi; La maggiore consapevolezza del rischio favorisce l’adozione di migliori strategie.

Un dato allarmante, riferito dagli intervistati, riguarda le probabilità di subire un attacco DdoS, che sono purtroppo più alte che mai. Alcuni dati lo confermano: il 53% dei service provider indica infatti di ricevere oltre 21 attacchi al mese, con un aumento del 44% rispetto all’anno scorso; Il 45% degli intervistati che operano in ambito istituzionale (organizzazioni aziendali, enti governativi e istituti scolastici) riferisce oltre 10 attacchi al mese, con un aumento del 17% rispetto all’anno precedente. Il 21% degli operatori di data center afferma infine di aver subito oltre 50 attacchi al mese, cifra che lo scorso anno era stata segnalata solo da una percentuale esigua (8%) degli intervistati in questo settore.

Quanto può in parte rasserenare è il fatto che la maggiore consapevolezza del rischio favorisce l’adozione di migliori strategie. Dai risultati dell’indagine emergono una migliore comprensione del danno di immagine e delle spese operative conseguenti agli attacchi DDoS e una maggiore consapevolezza della necessità di adottare efficaci strategie difensive. Le buone pratiche iniziano a dare i frutti sperati: la percentuale di intervistati in grado di mitigare gli attacchi in meno di 20 minuti è salita al 77%, contro il 74% dello scorso anno e il 68% di due anni fa.

L'indagine WISR si basa su 356 risposte, fornite da un mix di operatori Tier 1, Tier 2/3, società di hosting, provider mobili, aziende e altri tipi di operatori di rete di tutto il mondo. I dati fanno riferimento al periodo compreso tra novembre 2015 e ottobre 2016.

 


maggiori informazioni su:
www.arbornetworks.com



pagina precedente