martedì, 26 settembre 2017

News

Business & People

Un'indagine di Check Point rivela cosa riserverà il cloud nel 2017

03/01/2017

MILANO – Con l’intento di avere una visione generale dei timori in tema di sicurezza da parte dei professionisti IT aziendali, Check Point Software Technologies, ha di recente commissionato una ricerca da cui emerge che il 93% delle aziende risultano molto preoccupate dei problemi di sicurezza relativi ai sistemi cloud. Basandosi sui risultati emersi dallo studio, Check Point pone in evidenza le due previsioni più significative su quanto potremmo aspettarci di vedere nel 2017:

Previsione n. 1: Attacco contro un importante fornitore cloud. Le aziende archiviano un numero sempre maggiore di dati sul cloud pubblico e vi trasferiscono i flussi di lavoro di produzione. Un attacco informatico mirato che riuscisse a disattivare o oscurasse un importante fornitore di cloud, si ripercuoterebbe pertanto sull’operatività di tutti i clienti. Oltre a essere un pericolo serio a livello generale, potrebbe essere un mezzo per colpire un competitor o un’organizzazione specifica, che sarebbe una vittima tra le tante, complicando così la comprensione del motivo dell'attacco.

Previsione n. 2: Un ransomware si insidierà in un data center. Gli attacchi ransomware aumenteranno, coinvolgendo anche i data center basati su cloud. Sempre più organizzazioni si affidano oggi al cloud, sia pubblico sia privato. Attacchi di questo genere riusciranno quindi a insidiarsi in queste nuove infrastrutture tramite file crittografati che gireranno da un cloud all’altro, oppure ad opera degli stessi hacker, che approfitteranno del cloud come un amplificatore.

 


maggiori informazioni su:
www.checkpoint.com



pagina precedente