Notizie

Business & People

La Fondazione Enzo Hruby e il Gruppo DAB per la sicurezza della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma

13/10/2016

ROMA - La Fondazione Enzo Hruby ha sostenuto, in collaborazione con il Gruppo DAB di Roma, un importante intervento per l’implementazione e l’adeguamento di una parte dei sistemi di sicurezza della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. Lo scorso 29 settembre, il progetto è stato presentato e inaugurato a Roma. Con i suoi 60mila mq, la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma è la più grande del nostro Paese, raccoglie e conserva l’intera produzione editoriale italiana e, oltre a essere un luogo votato alla conservazione, è sede di eventi espositivi, di incontri e di promozione culturale.

All'incontro, moderato da Armando Torno, editorialista del Sole 24 Ore, sono intervenuti Andrea De Pasquale, Direttore della Biblioteca Nazionale Centrale, Carlo Hruby, Vice Presidente della Fondazione Enzo Hruby, e Pierluigi Aloisi, Presidente del Gruppo DAB.

Il Gruppo DAB, azienda Amica della Fondazione, è intervenuto in alcune aree della struttura avvalendosi delle più avanzate tecnologie di sicurezza e di videosorveglianza. L’intervento ha interessato Spazi900 - l’area espositiva inaugurata nel 2015 per valorizzare il patrimonio letterario novecentesco custodito dalla Biblioteca Nazionale Centrale - il percorso dedicato alle mostre temporanee, il bookshop e la Sala Conferenze. La soluzione realizzata ha previsto inoltre la centralizzazione dei sistemi di sicurezza attraverso la fornitura di una piattaforma di supervisione e gestione in grado di offrire un controllo globale, integrato ed evoluto dei singoli sensori e apparati. Un progetto di grande rilevanza, che si pone come modello di eccellenza per la protezione dei beni librari.

“E’ stato un privilegio – ha dichiarato Pierluigi Aloisi – aver collaborato, come Amico della Fondazione Hruby, alla realizzazione del sistema di sicurezza integrato avanzato presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. L’Azienda ha messo a disposizione l’intera organizzazione, il proprio know how come esperti di Security, Safety e Controllo Tecnologico per la tutela e salvaguardia di uno dei luoghi patrimonio culturale che, come tale, costituisce una della ricchezze del Paese. Dico sempre che il patrimonio artistico – culturale rappresenta un tesoro ereditato, una risorsa inestimabile per il nostro “domani” ed è nostro dovere proteggerlo e valorizzarlo”.

Dopo l’incontro si è svolta una visita guidata a Spazi900.

 


maggiori informazioni su:
www.fondazionehruby.org



pagina precedente