Notizie

Business & People

Videosorveglianza professionale: crescita più lenta nel 2015, in ripresa nel 2016

22/06/2016

ENGLEWOOD, CO (US) – Nel 2015 il mercato globale delle attrezzature per la videosorveglianza professionale è cresciuto dell’1.9%, secondo lo studio pubblicato di recente da IHS. Una performance molto inferiore a quella registrata nel 2014, quando la crescita si era attestata intorno al 14.2 %, e anche rispetto a quella del 2013, contrassegnato da un incremento del 6.8%. Secondo Jon Cropley, analista per il settore “Video Surveillance Equipment” di IHS Inc., sugli indici di sviluppo del 2015 molto ha pesato la frenata del mercato cinese, passato da una crescita a due cifre, pari al 26.7%, nel 2014, al 4.9%, a causa della progressiva riduzione dei prezzi: mentre le unità di telecamere di sicurezza sono aumentate molto rapidamente nel paese asiatico, il prezzo medio delle telecamere e dei dispositivi per la registrazione ha invece subito un brusco calo.

I fornitori cinesi hanno consolidato comunque il proprio brand, con l’affermazione di due società – Hikvision e Dahua – che nel 2015 hanno conquistato il 47,2% del mercato, migliorando di fatto il proprio posizionamento rispetto all’anno precedente, quando detenevano il 42.8% delle quote di mercato.

Gli analisti IHS prevedono per il 2016 un lieve aumento del fatturato, sia sul mercato globale sia in quello cinese, con un indice rispettivamente del 6,4% e dell’11.6%. Continuerà infatti ad aumentare rapidamente la domanda di sicurezza, mentre per l’erosione dei prezzi, sebbene alta, si assisterà a una lenta diminuzione. Su queste basi, si stima che il mercato globale delle attrezzature per la videosorveglianza professionale nel 2016 raggiunga un valore pari ai 15.8 miliardi di dollari.

In aggiunta ai fattori già menzionati, l’analisi di Cropley include altre considerazioni determinanti per delineare gli scenari nell’anno in corso

  • Si rafforza la tendenza al consolidamento e alla concentrazione a livello di produttori, sebbene rimanga alta la frammentazione, specialmente se si confronta questo comparto con altri mercati; nel 2015 i primi 15 fornitori hanno conseguito la maggior parte dei ricavi (il 55%).
  • Nel 2015 i fornitori cinesi hanno continuato a guadagnare quote di mercato in regioni al di fuori della Cina, puntando perlopiù su un’offerta a basso prezzo: in quelle aree,questo è stato il fattore principale di riduzione dei prezzi medi
  • Si stima che la Cina sia il più vasto mercato regionale per la videosorveglianza, avendo generato nel 2015 più del 40% del fatturato globale.
  • Di tutte le telecamere installate l’anno scorso, quelle di rete hanno rappresentato il 53%, con una scarsissima incidenza di quelle 4K (meno dell’1% di tutte le apparecchiature di rete installate).
  • Si è verificata una transizione rapida dalle telecamere analogiche a definizione standard agli apparecchi HD CCTV (in particolare HD-CVI, TVI e AHD).
  • Nel 2016, per la prima volta, a livello globale si conteranno più telecamere HD CCTV installate che telecamere analogiche a definizione standard.
  • Nel 2015 solo il 24% degli apparecchi HD CCTV sono stati venduti in Cina.

 

http://technology.ihs.com/

 


Tag:   Videosorveglianza,   IHS,   CCTV,   TVCC,   Jon Cropley,   network camera,   IP,   Hikvision,   Dahua,  

pagina precedente