Notizie

Eventi

Grande partecipazione al primo appuntamento del “Quality System Tour”

31/03/2011

MILANO - Ha avuto un ottimo riscontro, in termini di partecipazione e contenuti, il primo appuntamento dell'evento formativo "Quality System Tour", svoltosi il 28 marzo a Milano presso l'Auditorium di Bosch Security Systems, che lo ha organizzato in collaborazione con Beta Cavi con l'obiettivo di fornire agli specialisti del settore strumenti tecnici e nornativi per una corretta progettazione di un impianto di vidosorveglianza. Con Luca Cappelletti e Andrea Moneta (di Beta Cavi), Stefano Riboli, Product Manager Video Systems di Bosch, ha affrontato con un approccio molto tecnico e pratico, con esempi di applicazione reali, temi di interesse per i progettisti. É stato evidenziato un dato che condiziona le prestazioni e la qualità delle soluzioni video: il "limite è rappresentato spesso dalla bassa qualità dei supporti oggi disponibili, in particolare dal cavo. Se gli apparecchi sono evoluti, lo devono essere i mezzi di connessione" - ha spiegato il professionista rivolgendosi ai partecipanti, rappresentati perlopiù da studi tecnici e di progettazione. Se è vero che occorre ben dimensionare l'impianto di videosorveglianza, pensare a un corretto posizionamento delle telecamere, sia analogiche sia IP, è anche vero che va segnalata l'importanza della trasmissione del segnale video e soprattutto quella dei materiali impiegati. L'evoluzione dei sistemi ha fatto sì che la comunicazione non sia più solo monodirezionale da telecamera a DVR ma deve garantire una comunicazione bidirezionale mediante protocolli ove viene permesso l'aggiornamento del sw della telecamera, le regolazioni e le operazioni di telemetria. Ogni costruttore realizza una propria specifica costruttiva, in quanto non soggetta a normazione. Per varie ragioni (ascesa del prezzo del rame e furti di grandi quantità di questo materiale, tra le diverse ragioni) si è andati modificando la struttura del cavo compromettendo le sue qualità meccaniche e trasmissive. Sono quindi state illustrate le nuove tecnologie sviluppate appositamente per la videosorveglianza: cavi coassiali di ultima generazione che assicurano la bidirezionalità del sistema e la trasmissione del protocollo. Nella seconda parte dell'incontro, dopo qualche cenno alla trasmissione del segnale video lungo il cavo ed elementi tangibili di valutazione (luminanza e crominanza) sono state illustrate le normative di riferimento cavi: CEI Unel 36762, CEI EN 50117.

Prossimo appuntamento, con le stesse modalità di partecipazione, a Torino il 13 aprile.

www.boschsecurity.it; www.betacavi.com


Tag:   Bosch,   Beta Cavi,   videosorveglianza,   IP,   cavi,   normative,  

pagina precedente