Notizie

Eventi

Successo per il Meeting ABI-OSSIF accolto nella sede della società Bettini

29/02/2016

Saronno (MI ) - Un evento istituzionale con un alto valore culturale, quello che la società Bettini ha accolto presso la sua sede di Saronno, il 25 febbraio scorso. Organizzato in collaborazione con OSSIF, l'incontro ha riunito la community della sicurezza del mondo bancario italiano per una nuova tappa del percorso di visite che questa associazione sta compiendo presso le aziende fornitrici di tecnologie di sicurezza.

Alla presenza di Security Manager, provenienti dal mondo bancario, sono stati affrontati temi di grande attualità che, grazie anche all'elevato profilo dei relatori che li hanno proposti, ha offerto ai presenti una visione originale, di ampio respiro e grande attualità sul tema della sicurezza.

Dopo una breve introduzione ai lavori da parte di Giampiero Miceli e i saluti di Walter Bettini, in veste di padrone di casa, ha preso la parola Marco Iaconis, responsabile delle attività associative in tema di sicurezza nell'ambito di ABI, impegnato a coordinare i rapporti tra le banche, Forze dell'ordine e tutti gli operatori della sicurezza, nell'ottica di un governo integrato dei rischi. Dopo un breve intervento introduttivo su OSSIF e sull'importanza di condividere progetti e iniziative per scambiare informazioni e “utili comportamenti”, al fine di lanciare nuove idee per garantire una sempre maggiore sicurezza alla collettività, Iaconis ha ceduto la parola al primo relatore, il Dott. Francesco Gratteri, Prefetto in quiescenza, che, grazie ai suoi 35 anni di esperienza e al suo curriculum di eccellenza, ha potuto proporre ai partecipanti una disquisizione ricca e di notevole interesse su “Il concetto della Sicurezza integrata”.

Gratteri ha sottolineato l'importanza di mettere in relazione le connessioni esistenti tra i diversi ambiti della sicurezza, tratteggiando un quadro dei fenomeni criminali che minacciano la nostra società e che sono insidiosi non solo per la loro violenza, capillarità e crescente pericolosità, ma perché chi ne è responsabile si attrezza con strumenti e tecnologie sempre più sofisticate per commetterli. Ha quindi fatto notare come il ruolo della tecnologia sia fondamentale, soprattutto quando è al servizio di chi, come gli investigatori, è chiamato a prevenire questi fenomeni, a indagare e a risolverli. Ha quindi rimarcato l'esigenza di “modelli di contrasto della criminalità” rispondenti alle nuove esigenze della collettività, e lo sforzo che in questa direzione devono compiere, sempre con un'azione congiunta, il legislatore e gli operatori della sicurezza.

Ha quindi preso la parola Stefano Piazza, imprenditore svizzero attivo nel settore delle sicurezza, Presidente dell’Associazione “ Amici delle Forze di Polizia Svizzere”, opinionista e studioso del fenomeno terroristico di matrice islamista. Il suo intervento “I Salafiti in Europa, l’inarrestabile ascesa del movimento più radicale e pericoloso della galassia islamista” ha tratteggiato un quadro inquietante, quello legato a un rischio più specifico rispetto a quello delineato da Gratteri, ma di certo non meno insidioso: quello connesso al terrorismo. Ha parlato con lucidità e precisione della filosofia che anima queste persone, del diffondersi dello stato islamico, dell'inerzia dell'Europa nel contrastare il dilagare del fenomeno. Il concetto di sicurezza ha quindi assunto una connotazione e una prospettiva molto ampie che ha offerto spunti di riflessione e di certo arricchito le conoscenze, spesso parziali e non sempre definite, di chi ne ha ascoltato il racconto.

Si è tornato quindi a parlare di tecnologia, ma soprattutto di soluzioni, efficaci e complete, ideali anche per il settore bancario, con Aldo Punzo, Product marketing manager di Bettini, che ha focalizzato l'attenzione sulle “Tecnologie e Novità dei prodotti GAMS 2016 – Soluzioni Verticali per il mondo bancario”.

Sottolineando con legittimo orgoglio il fatto che tutti i prodotti a marchio Gams sono made in Italy, progettati e costruiti nella sede dell’azienda e con una grande attenzione rivolta verso l’integrazione dei sistemi, Punzo ha evidenziato non tanto i prodotti, bensì le priorità che sono state osservate nel progettarli e che li rendono soluzioni ideali anche per l'ambito protagonista della giornata: l'affidabilità, la flessibilità, il loro essere “speciali”, ovvero in grado di adattarsi alle esigenze del mercato, la loro capacità di fare riferimento a standard (dalla compatibilità ONVIF alla compressione Video H.264).

Arricchite con funzioni che le rendono ad esempio rispettose dei limiti fissati dal Garante, e con un contenuto tecnologico sempre più innovativo, le soluzioni di Bettini hanno un'altra prerogativa, quella di essere in costante evoluzione e rispondenti alle esigenze del cliente con il quale opera in una proficua sinergia, al punto che l'azienda, chiudendo i lavori del meeting, ha anticipato di avere in serbo altre importanti novità per il prossimo futuro.

 


maggiori informazioni su:
www.bettinivideo.com



pagina precedente