Notizie

Business & People

Videosorveglianza: i 5 trend del 2016

23/02/2016

BIRMINGHAM (UK) – Nel portale ifsecglobal.com, Uri Guterman, Video Solutions Product Manager di Qognify, stila un breve elenco dei trend che si affermeranno nel mercato della videosorveglianza, nell’anno appena cominciato. In alcuni casi non si tratta di nuove tendenze, ma di fenomeni che comunque, per portata e maturità, incideranno in modo determinante sul mercato.

Il primo dei cinque trend individuati da Guterman è l’integrazione tra VMS (Video Surveillance and Management System) e ACS (Access Control System), i due sistemi più comuni attivi in un security centre. Un fenomeno sicuramente in crescita, specialmente da quando il mercato dei sistemi di controllo accessi (ACS) ha incontrato nuove tecnologie come il cloud e le soluzioni wireless.

Veniamo alla seconda tendenza segnalata: l’Incident Management, che vede nella videosorveglianza un’attività fondamentale per gestire un evento critico, una volta riconosciuto come tale. Quindi, molto più dell’“osservare un  video”. Informatizzando, configurando correttamente e, quando possibile, automatizzando le procedure, si creano le necessarie strutture per migliorare le operazioni di sicurezza e diminuire i tempi di risposta in caso di “incidente”, riducendo al minimo anche il rischio di errore umano. Le soluzioni di Incident Management permettono alle organizzazioni di “catturare” tutte le informazioni rilevanti da ogni singolo record, agevolando inoltre l’attività investigativa successiva all’evento verificatosi.

La Video Analytics è la terza voce nell’elenco di Guterman. Trend tutt’altro che nuovo, subirà ulteriori evoluzioni nell’anno in corso, affermandosi tra le tendenze prevalenti. Non trascurabile, in questo andamento, il ruolo dei produttori che introducono sempre più videocamere dotate di funzioni analitiche. Infine, nella top five di Guterman, troviamo il Central Storage – una opzione più appetibile del VSaaS e del Cloud per i clienti di fascia alta, purché si conoscano bene i pro e i contro di queste soluzioni – e le telecamere panoramiche (360°), di cui si prevede la crescita della domanda nei più importanti mercati verticali della sicurezza.

 


maggiori informazioni su:
www.ifsecglobal.com



pagina precedente