Notizie

Business & People

Johnson Controls e Tyco, ultime fasi di un accordo di fusione

27/01/2016

Milwaukee (USA) e Cork (Irlanda) - Johnson Controls e Tyco sono alle ultime fasi di un accordo di fusione definitivo, in base al quale l’industria globale multi settore Johnson Controls si unirà a Tyco, provider fire e security a livello mondiale, per dare vita a un colosso nelle tecnologie e prodotti building, soluzioni integrate e storage energetico.

Secondo le fonti informative, la nuova azienda debutterà con il nome Johnson Controls mettendo fine al brand Tyco. L'accordo, approvato all’unanimità dai CDA di entrambe le aziende, prevede che gli azionisti di Johnson Controls avranno circa il 56 % delle equity dell’unione delle due aziende e che riceveranno un valore contante di circa 3,9 miliardi di dollari. Gli azionisti attuali di Tyco rimarranno con circa il 44 % delle equity delle due aziende.

“La proposta di unione di Johnson Controls e Tyco rappresenta la fase successiva della nostra trasformazione per diventare leader fra le industrie multi settore - ha commentato Alex Molinaroli, Presidente e CEO di Johnson Controls. Grazie al settore fire e security, Tyco si allinea e potenzia la piattaforma di Johnson Controls nel building e migliora la nostra posizione a livello globale. Attraverso questo passaggio espanderemo la nostra capacità di investire globalmente, di sviluppare soluzioni innovative per il cliente e garantire un ritorno di capitale agli azionisti.”

George R. Oliver, CEO di Tyco, ha aggiunto: “La combinazione di Tyco e Johnson Controls è decisamente strategica. Un passo che aumenta il valore e unisce le forze di due potenti aziende per offrire le tecnologie più performanti e i servizi migliori ai clienti di tutto il mondo. Questo passaggio ci permetterà di cogliere meglio le opportunità derivanti dalla connettività in ambito home, building e sicurezza urbana. Unire le forze con Johnson Controls significa affiancare al nostro solido business le linee altamente innovative e la copertura globale per dare maggior valore a clienti, azionisti e dipendenti di entrambe le aziende.”

La sede legale della nuova azienda sarà quella di Tyco e gli headquarter globali a Cork in Irlanda. Gli headquarter operativi principali saranno negli Stati Uniti, a Milwaukee, dove Johnson Controls ha la sua sede. Il completamento della transazione è previsto per la fine del 2016 e una volta avvenuto, avrà un CDA di 11 amministratori (sei da Johnson Controls e cinque da Tyco). Alex Molinaroli sarà il presidente e CEO dell’azienda risultante e George Oliver sarà presidente, chief operating officer e amministratore del nuovo consiglio, con responsabilità in ambito operativo e a capo dell’integrazione. Molinaroli rimarrà presidente e CEO per 18 mesi dopo la chiusura, quando Oliver diventerà CEO e Molinaroli presidente esecutivo per un anno. Trascorso questo periodo, Oliver diventerà presidente e CEO.


maggiori informazioni su:
http://investors.tyco.com/phoenix.zhtml?c=112348&p=irol-newsArticle&ID=2131796



pagina precedente