Notizie

Normative

Richiesti dal mercato oltre 100mila professionisti della privacy

15/01/2016

MILANO – Come è noto, è arrivato al traguardo il lungo iter del Regolamento Europeo. La nuova normativa sulla protezione dei dati è diventata una realtà e , oltre che a misure più adeguate per tutelare la privacy dei cittadini nell'era digitale, essa introduce regole che permetteranno alle imprese italiane ed europee di giocare la partita del mercato unico digitale alla pari con le aziende che hanno sede fuori dall'area UE.

Secondo le stime dell'Osservatorio di Federprivacy, con 20mila pubbliche amministrazioni, circa 25mila imprese che attualmente dichiarano di trattare dati soggetti a rischio elevato, e 3.500 grandi aziende operanti sul territorio nazionale, arriveranno a quasi 50.000 le aziende e le pubbliche amministrazioni che rientrano direttamente nell'obbligo normativo di nominare un responsabile della protezione dei dati.

Il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi parla di 75mila aziende italiane che operano già nei settori dell'ICT che dovranno avvalersi di privacy officer e altri professionisti specializzati della materia “in grado di affrontare una normativa complessa con problematiche che non possono essere gestite da consulenti improvvisati o da dipendenti tuttofare. Anche professionisti con una conoscenza meramente accademica non completata da competenze specifiche e comprovate, esporrebbero le aziende a rischi di sanzioni pesantissime. Dati alla mano, ci sono quindi i presupposti per un fabbisogno di oltre 100mila professionisti della privacy, ma a condizione che coloro che si propongono come esperti della materia rispondano alle reali esigenze di mercato, perché le aziende dovranno essere molto selettive.”

La pubblicazione di specifiche norme tecniche offrirà un contributo importante per fare chiarezza sul mercato. Ad esse sta lavorando UNI, con l'obiettivo di definire nei prossimi anni gli standard che dovranno essere rispettati dai professionisti della privacy.

Da parte sua, Federprivacy si è attivata elaborando un proprio disciplinare, attraverso il quale i professionisti possono ottenere la certificazione rilasciata dal TÜV Examination Institute. Sono oltre 1000 le persone che hanno iniziato il processo di certificazione, quasi 300 delle quali ha già ottenuto il riconoscimento dell'ente tedesco.

 


maggiori informazioni su:
www.federprivacy.it



pagina precedente