Notizie

a&s Italy n.35 Ott 2015, Differenze inventariali addio

21/10/2015

Internet of Everything: la rivoluzione è cominciata.

Non solo persone connesse, ma cose. Lavatrici, telecamere, autobus, palazzi: tutto potrà scambiare dati in rete o con i device dell’utente.

Si chiama IoT, Internet of Things.
L’espressione si deve a Kevin Ashton, visionario e pioniere dell’RFID, e si riferisce all’evoluzione dell’uso della rete che connette e fornisce intelligenza a qualsiasi device, rendendolo capace di acquisire informazioni, comunicarle e riceverle da altri oggetti, altrettanto smart. L’espressione Internet of Everything (IoE) è poi nata in Cisco per significare un’infrastruttura intelligente, che supporti miliardi di dispositivi sensibili al contesto.

Con campi di applicazione svariati e che hanno molto a che fare con la sicurezza: pensiamo alla sorveglianza e alla rilevazione di eventi avversi, alle reti wireless di sensori, alla domotica, allo smart grid e più in grande alle smart city.

Ma pensiamo anche al controllo della produzione industriale, all’RFID e alla robotica (coi droni in testa, che già si legano a doppio filo al tema sicurezza). E pensiamo a numeri giganti: per l’analista Gartner, nel 2020 ci saranno 26 miliardi di oggetti connessi a livello globale. Nel comparto sicurezza, Homeland Security Research individua nell’IoE il maggiore fattore di crescita dell’Intelligent Video Surveillance e della diffusione della Video Imaging of Everything.

Memoori parla di Building Internet of Things (BioT), con riferimento all’automatizzazione completa dell’edificio. Insomma, l’espressione coniata da Ashton nel 1999 è già una realtà anche nel nostro settore. Ma il comparto si trova di fronte ad una sfida complessa: non perdere la sua integrità.

La mancanza di standard e di un approccio coordinato che metta gli utenti al riparo dai cyber-attacchi riverbera anche sulla security fisica e i rischi abbracciano pure la privacy e altri aspetti. E se da un lato ci sono gruppi già al lavoro per definire dei protocolli standard, l’IoT è una lavagna tecnologica ancor tutta da scrivere.
Stay tuned!


Tag:   Riviste aes Italy,  

pagina precedente
a&s Italy Magazine

Il futuro è adesso!

a&s Italy Magazine a&s Italy interpreta sul mercato italiano la mission del network di riviste tecniche a firma a&s, leader a livello globale nell'editoria specializzata in security.
a&s Italy ha conquistato l'assoluta readership nell'editoria italiana di sicurezza, confermandosi il partner più autorevole per penetrare il mercato locale e per tirare la volata sui mercati esteri.
a&s Italy è l'unica rivista che realizza indagini di mercato e inchieste di settore, che parla all'Italia aprendo una finestra sul mondo globale, che dialoga a tu per tu con utenti finali e decisori politici.
a&s Italy rispetta i propri partner, certificando la tiratura e la distribuzione. Soprattutto a&s Italy viene letta, perché non è fatta di riempitivi tra un redazionale e l'altro, ma di contenuti tecnici innovativi che la consacrano come opinion leader.

www.asitaly.com