Notizie

Normative

Il Consiglio Regionale della Lombardia impone l'obbligo di telecamere ai benzinai

21/02/2011

MILANO – E' una richiesta di maggiore sicurezza quella espressa dal Consiglio Regionale della Lombardia il 17 febbraio scorso e che è stata approvata all'unanimità dalla commissione Affari Istituzionali. Entro due anni, se la proposta, come è pressoché certo, verrà approvata presso la Giunta Regionale in una delle prossime sedute, tutti gli impianti di distribuzione di carburante distribuiti sul territorio lombardo si dovranno dotare di sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso. Le telecamere dovranno essere attive anche una volta ultimato l'orario di servizio assistito, con costi di installazione a carico dei titolari dell'autorizzazione o della concessione. Questa disposizione dovrà essere supportata da bandi della regione che possano venire incontro ai gestori per le spese da sostenere e per scongiurare eventuali rincari dei carburanti. L'obiettivo di questo provvedimento è arrivare a tutelare per legge questa categoria di lavoratori così esposta e poco protetta, con la presenza anche di un collegamento video diretto con le forze dell'ordine. Dietro la richiesta del consiglio regionale vi è la serie di rapine e furti che hanno preso di mira i gestori di pompe di benzina. Ricordiamo l'episodio più grave, quello che esattamente un anno fa costò la vita a un benzinaio, Angelo Canavesi, freddato con due colpi di pistola dopo aver ritirato l'incasso del fine settimana dal self-service.

www.consiglio.regione.lombardia.it



pagina precedente