Notizie

Business & People

Eagle Eye Networks e l’acquisizione di Brivo: l’analisi di IHS

26/07/2015

ENGLEWOOD, CO (US) – L’acquisizione di Brivo da parte di Eagle Eye Networks è l’ennesimo esempio di consolidamento nel settore della sicurezza. La singolarità di questo caso rispetto ai precedenti è che si tratta dell’espansione di un video provider cloud-based verso il controllo accessi su cloud: questo il motivo per cui ha attirato l’attenzione degli analisti di IHS Aaron Dale e Blake Kozak.

Secondo le previsioni di IHS, il mercato del controllo accessi come servizio (ACaaS) raggiungerà i 200 milioni di dollari in America entro la fine del 2015; per la videosorveglianza come servizio (VSaaS), la società di ricerca stima che il mercato globale supererà i 900 milioni di dollari nell’anno in corso, per arrivare a sfiorare quota 1,3 miliardi entro il 2017. In questo scenario promettente si deve collocare l’acquisizione di Brivo, che accrescerà la quota corrente di Eagle Eye Networks nel mercato VSaaS.

Nei prossimi anni si assisterà all’integrazione di controllo accessi e video market con soluzioni su “nuvola”. Questo cosa significa per l’industria del controllo accessi? IHS ritiene che il settore continuerà ad avvicinarsi agli standard open e alle soluzioni cloud-based, ma il processo proseguirà lentamente finché la gran parte dei fornitori punterà alla creazione di ecosistemi chiusi per proteggere il proprio market share.

L’acquisizione di Brivo da parte di Eagle Eye Networks è un interessante elemento di cambiamento, dal momento che unisce due compagnie focalizzate su open API e sul cloud: questo potrebbe essere un modello e un’anticipazione dell’evoluzione futura.

http://technology.ihs.com/
 



pagina precedente