Notizie

Eventi

Gli scenari del panorama energetico mondiale a OMC 2015

01/04/2015

RAVENNA – Si è chiusa con successo di partecipazione e di presenze la XIIedizione della Offshore Mediterranean Conference & Exhibition (OMC) 2015 (oltre 20.000 visitatori, il 35% in più rispetto alla precedente edizione; 687 espositori provenienti da 34 Paesi).

Dal 25 al 27 marzo, Ravenna ha ospitato la principale vetrina, biennale, dell’Oil & Gas nel bacino del Mediterraneo, un'importante occasione per promuovere la valorizzazione delle risorse energetico-minerarie nazionali e delineare, insieme alle aziende, gli scenari futuri del panorama energetico, in un quadro normativo condiviso. Il tutto all'insegna di parole chiave quali disponibilità delle risorse, sicurezza, sostenibilità, e stabilità di mercato.

Grande soddisfazione anche per il gruppo Ethos Media, che ha partecipato all’evento registrando l’interesse dei visitatori, tra cui importanti system integrator, per la pubblicazione a&s Italy, segno della  potenzialità di sviluppo dell’area security in una manifestazione dedicata all’Oil & Gas.

Con il tema “Focus on the change: Planning the next 20 years.Diversifying choices, increasing opportunities” (Focus sul cambiamento: Pianificare i prossimi 20 anni. Diversificare le scelte e aumentare le opportunità), OMC è stata l’arena di confronto sui temi energetici mondiali, con un’attenzione particolare ai Paesi del Mediterraneo (senza dimenticare i recenti sconvolgimenti che hanno interessato il Nord Africa) e all’Europa (in riferimento anche al recente conflitto Russo-Ucraino).

“All’aggravarsi dello scenario mondiale in campo energetico e alla luce delle recenti normative, l'Italia – come ha spiegato il Sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico, Simona Vicari – sta rispondendo con nuove regole indirizzate a garantire un più alto livello di sicurezza: per le persone, per l’ambiente, per gli approvvigionamenti. Il nostro paese è tra quelli con il maggiore potenziale di risorse non sfruttate e può avere un ruolo di traino nell’Europa continentale”.

www.omc2015.it

 

 

 

 



pagina precedente