Notizie

Business & People

Governo Societario: l’approccio dell’impresa alla gestione dei rischi

13/03/2015

MILANO  - Il tema della gestione dei rischi, tema sempre molto attuale, sta raggiungendo in questi giorni il massimo livello di attenzione e quindi vengono dedicati a questo tema numerosi eventi informativi/formativi.

Ieri a Milano anche COM Metodi, società di consulenza aziendale nel campo del management ha organizzato un convegno con lo scopo di valorizzare i modelli di gestione dei rischi aziendali che consentono di realizzare un’efficace Corporate Governance.

Il punto essenziale è comprendere come nella Governance aziendale sia necessario inserire “tutti” i rischi ciascuno con una propria natura, con un proprio livello di probabilità di manifestazione e potenzialità di impatto.

Il sistema di valutazione dei rischi deve essere continuamente aggiornato in funzione dei nuovi rischi derivanti dall’internazionalizzazione aziende, dalla globalizzazione delle minacce, dai disastri ambientali, dai disagi e dai disordini sociali.

L’obiettivo è di riuscire a proteggere aziende e lavoratori.

Con quali criteri? Sino ad ora sono fatti molti censimenti dei pericoli e lunghe liste di rischi prevedibili ma forse oggi il metodo analitico non è più in grado di darci le risposte che ci servono, conviene quindi andare verso un metodo che parta da una visione globale dell’ambiente del quale ci stiamo occupando.

Chi deve supportare i vertici in questo sempre più difficile compito? La figura del Security Manager, recentemente definita in modo più preciso dalla norma UNI 10459, è il punto di arrivo di questa evoluzione della strategia di approccio ai rischi ed alle minacce.

Tra i molti interventi che hanno sottolineato da vari punti di vista questi aspetti quello di Damiano Toselli, Direttore Security di Telecom Italia ma anche Presidente di AIPSA (Associazione Italiana Professionisti Security Aziendale), ha rimarcato quanto questa funzione sia cambiata negli ultimi anni sino a diventare un riferimento per tutte le attività aziendali.

Il nuovo approccio al risk management infatti parte dal disegnare una strategia del rischio che tenga conto del rischio considerato in rapporto alla strategia aziendale, con una scala di priorità, con responsabilità definite in modo chiaro, prevedendo la realizzazione di un monitoraggio organico e legando i rischi agli obiettivi.

Il sistema di risk management così disegnato, costituito dall’insieme di processi, mezzi e risorse che, presenti a tutti i livelli dell’organizzazione, danno ragionevole garanzia del raggiungimento degli obiettivi aziendali è quindi componente essenziale della Corporate Governance.

 



pagina precedente