Notizie

Business & People

Benchmarking: confrontarsi per migliorarsi

05/12/2014

MILANO -  “Se conosci il nemico e te stesso, la tua vittoria è sicura. Se conosci te stesso ma non il nemico, le tue probabilità di vincere e perdere sono uguali. Se non conosci il nemico e nemmeno te stesso, soccomberai in ogni battaglia”. Questa affermazione è tratta dal famosissimo libro “L’Arte della guerra”, del Generale e filoso cinese Sun Tzu vissuto tra il VI e il V secolo a.C., i cui contenuti, oltre a essere riferimento in ambito militare, vengono da tempo applicati anche in contesti economici e di sviluppo del business. E mai come in questo momento la frase sopracitata dovrebbe essere presa in seria considerazione dalle aziende, a prescindere dalla loro dimensione e dal mercato in cui operano, traslando il sostantivo “nemico” a “competitor”. Questo perché all’interno di uno scenario globale come quello che si è delineato negli ultimi anni, con una domanda molto esigente e mercati maggiormente contratti e contesi, diventa sempre più difficile per le aziende mantenere la propria posizione e uscire indenni dal confronto con una concorrenza sempre più agguerrita. Tra le diverse metodologie che si possono adottare per una corretta analisi dei competitor, e quindi del mercato in cui si opera, il “benchmarking” è sicuramente quella che può portare maggiori benefici e risultati, per aiutare l’azienda a comprendere il proprio posizionamento rispetto agli altri attori del mercato e di conseguenza definire le migliori strategie per migliorare le proprie performance.

Leggi l’articolo pubblicato su a&s Italy: http://www.secsolution.com/articolo.asp?id=267

 


Tag:   benchmarking,,   business,,   privacy,,  

pagina precedente