Notizie

Business & People

I tre modelli che plasmeranno il settore smart home secondo IHS

30/09/2014

ENGLEWOOD, COLORADO (US) - In una recente analisi delle soluzioni smart home, IHS ha identificato tre modelli tra i quali i consumatori possono scegliere quando decidono di installare un sistema di sicurezza intelligente. Il primo viene definito point security: un hardware non legato ad altri apparecchi per generare automazione, con ogni singolo dispositivo che utilizza la sua specifica applicazione. Il secondo modello è quello della connected security, che rimanda ai tradizionali sistemi di allarme antifurto: tutti i dispositivi installati sono connessi a un singolo pannello con o senza fili. Il terzo e ultimo modello è definito smart security: molteplici apparecchi sono connessi tra di loro attraverso un punto centrale, e una singola applicazione è in grado di gestire l’intero sistema.

Questi tre modelli di implementazione sono importanti perché potrebbero contribuire a “plasmare la futura struttura del settore”. IHS rileva come sino a oggi sia la connected security il modello che ha generalmente conosciuto la maggiore diffusione. Tuttavia, in tempi più recenti sembra che il mercato (soprattutto in Nord America) si stia spostando verso le altre due alternative – da un lato per l’aumento di venditori di soluzioni Do-It-Yourself (DIY), dall’altro per la maggiore richiesta di soluzione smart home totalmente integrate. In questa prospettiva, IHS ritiene che in futuro la maggiore diffusione di soluzioni point security potrebbe aprire la strada a una crescente richiesta di sistemi smart.

www.ihs.com

 


Tag:   IHS,   smart home,   sicurezza,  

pagina precedente