Notizie

Business & People

Presentati a Trieste i risultati di due progetti di ricerca in ambito navale

23/06/2014

TRIESTE - Lo scorso 3 giugno, a Trieste, sono stati presentati i risultati di due importanti progetti di ricerca in ambito navale: OpenSHIP (il cui valore supera gli 800 mila euro) e Porte Tagliafuoco Innovative. Sono intervenuti Massimo Breda, amministratore delegato DITENAVE – Distretto Tecnologico Navale e Nautico del Friuli Venezia Giulia - Fabio Feruglio, direttore di Friuli Innovazione, Daniele Scano della Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca, Servizio Istruzione alta formazione diritto allo studio e ricerca Regione Friuli Venezia Giulia. Presente al convegno anche Massimo Debenedetti, direttore Ricerca & Innovazione di Fincantieri, che ha illustrato nel dettaglio il ruolo che il gruppo Fincantieri ha nel processo innovativo del settore navale della regione. I risultati del progetto OpenSHIP sono stati presentati da Annalisa Alcinesio di CETENA, Antonio De Simone del Gruppo di ricerca in Matematica Applicata della SISSA e Giorgio Contento dell'Università degli Studi di Trieste. Il progetto Porte Tagliafuoco Innovative, invece, è stato illlustrato da Alessandro Gasparetto dell'Università degli Studi di Udine e da Jan Kaspar di Nanoxer. Massimo Debenedetti, direttore Ricerca & Innovazione di Fincantieri, ha chiuso l’incontro spiegando il ruolo che il gruppo Fincantieri, una delle più grandi aziende cantieristiche al mondo, ha nel processo innovativo del settore navale del Friuli Venezia Giulia.


Qualche dettaglio sui due progetti

Grazie al progetto OpenSHIP si è potuto sviluppare un prototipo virtuale che realizza simulazioni di fluidodinamica computazionale di altissima qualità. Il progetto prevede le prestazioni idrodinamiche del sistema carena-elica delle grandi navi da crociera o imbarcazioni da diporto. Questa innovazione nel settore navale e nautico permetterà di effettuare simulazioni fondamentali per la costruzione ottimale dei mezzi nautici, riducendo costi e tempi, a vantaggio della qualità del prodotto e con la possibilità di migliorare strutture preesistenti. Per quanto riguarda invece il Progetto Porte Tagliafuoco Innovative, esso è nato come risposta alle sempre maggiori esigenze in termini di ergonomia e di una maggiore industrializzazione del comparto navale, nel rispetto delle normative relative alla sicurezza. L'obiettivo da raggiungere era quello di migliorare la sicurezza a bordo delle navi da crociera e trasporto passeggeri, cercando di ridurre i limiti delle porte già esistenti, quali il peso, i costi elevati e le proprietà meccaniche poco avanzate. Porte Tagliafuoco Innovative ha quindi studiato nuove tipologie di porte con tecnologie innovative e caratterizzate da prestazioni superiori e con costi di produzione inferiori. Il progetto Porte Tagliafuoco Innovative ha raggiunto una conciliazione ottimale tra i requisiti di funzionalità anche in caso di incendio ed eventuali esigenze normative in caso di allagamento. Le porte tagliafuoco realizzate consentono una maggiore sicurezza a bordo grazie al materiale ad alto potere isolante studiato a lungo sulla base della sua conducibilità termica. Questo progetto può vantare già 2 prototipi certificati e 3 per i quali è prevista a breve la certificazione. Lametodologia alternativa di collegamento tra il telaio della porta e la struttura della nave è già stata applicata nel 2013 sulle navi da crociera finlandesi Viking. pr@carterandbennett.com

 



pagina precedente