Notizie

Il Premio Maurizio Barcelloni-Corte scommette sui giovani

27/05/2014

BOLOGNA - L’Aula Magna della Scuola di Ingegneria e Architettura dell’Università di Bologna ha accolto, il 22 maggio scorso, la conferenza stampa di presentazione del Premio Maurizio Barcelloni-Corte. Il premio è stato istituito in occasione del 40° anniversario di attività di Teleimpianti S.p.A - azienda specializzata nei settori della sicurezza e delle telecomunicazioni – in collaborazione con la Scuola di Ingegneria e Architettura e del Dipartimento di Ingegneria Industriale (DIN), patrocinato da Unindustria Bologna, Camera di commercio e Consorzio Bolognese Energia Galvani. La borsa di studio verrà assegnata alla miglior tesi in materia di efficientamento energetico, nell’ambito del Master Universitario in “Gestione dell’Energia”. Ad aprire la cerimonia è stato Pierpaolo Diotallevi, Presidente della Scuola di Ingegneria e Architettura (Università di Bologna) che ha sottolineato l'importanza della collaborazione tra università e mondo del lavoro, perché – ha spiegato - “senza di essa non si realizza sviluppo”. Ha quindi preso la parola l’attuale amministratore delegato di Teleimpianti, Giulia Barcelloni-Corte, figlia di Maurizio, fondatore dell’azienda e “capitana d’industria” più giovane di Bologna. “Fin dalla sua nascita, Teleimpianti si è caratterizzata per la forte attenzione alle nuove tecnologie, e quello della building automation – ha spiegato - è un settore trainante, di fondamentale importanza, sul quale stiamo investendo energie e passione”. Un settore in crescita, dal quale “potranno venire importanti opportunità di lavoro per i neo-laureati” come ha aggiunto Sandro Salvigni, ordinario della Scuola di Ingegneria e Architettura. 


Verso un futuro possibile di realizzazione professionale

Poiché spesso il problema della disoccupazione giovanile è legato alla mancata corrispondenza tra competenze degli studenti ed esigenze del mercato, diventano essenziali corsi come quello in “Gestione dell’Energia” e la collaborazione con le imprese. I ragazzi devono poter essere accompagnati verso un futuro possibile di realizzazione professionale. La building automation, ossia la progettazione di un sistema unico di controllo di funzioni diverse all’interno degli edifici (dall’illuminazione alle telecamere di sicurezza agli impianti di condizionamento), è al centro dell’attenzione del legislatore, nella direzione dell’attuazione di politiche di sostenibilità energetica. Entro due anni circa infatti tutte le Regioni dovranno adottare le normative che obbligano gli edifici ad avere misuratori dei consumi di energia e sistemi per evitare gli sprechi, oggi operative solo in alcune zone d’Italia. Gianluca Morini, Direttore del Master ha quindi parlato di “straordinarie opportunità lavorative per i giovani, spiegando che “Il legame forte tra le nostre scuole e la realtà delle aziende del territorio è da coltivare, e ogni volta che tali rapporti diretti non si realizzano ciò costituisce una grande occasione mancata”. Il professore ha quindi concluso la cerimonia con un invito: “In un momento storico di crisi e contrazione del mercato, dobbiamo dimostrare di essere capaci di mettere a disposizione delle aziende le nostre competenze e risorse migliori”.

www.teleimpianti.it

 



pagina precedente