Notizie

Business & People

PSIA presenta le specifiche PLAI per l’accesso logico/fisico

09/05/2014

 

LAS VEGAS, NV (US) - Con la presentazione di una bozza di proposta sulle specifiche per l’interoperabilità nell’accesso fisico-logico (PLAI), la Physical Security Interoperability Association (PSIA) ha compiuto un significativo passo avanti verso la definizione di uno standard industriale per la sincronizzazione automatica ed efficiente di identità, privilegi e credenziali fisico/logici. “Siamo soddisfatti del potenziale che questa proposta mostra di avere nel rimodellare le credenziali per l’accesso logico/fisico”, ha dichiarato David Bunzel, direttore esecutivo della PSIA. “Grazie a queste specifiche sarà possibile gestire gli accessi, i privilegi e le credenziali attraverso le identità fisico-logiche sulla base di un semplice sistema plug-and-play: in altre parole, cambieranno le regole del gioco”.

 

La bozza PLAI è stata presentata nel corso dell’ultima edizione di ISC West a Las Vegas: per l’occasione, si è mostrato al pubblico presente che molteplici sistemi, diversi tra loro, possono lavorare sinergicamente e in modo fluido proprio grazie alle specifiche PLAI. Come ha spiegato Mohammad Soleimani, responsabile del gruppo di lavoro PLAI, “la dimostrazione ha illustrato che il nuovo standard cambia il modo tradizionale con cui fino a oggi il mondo della security ha approcciato la gestione di identità, privilegi e accessi: stiamo aprendo nuovi orizzonti per creare soluzioni olistiche e più funzionali”. Le specifiche PLAI assicurano che i privilegi di accesso di un dipendente siano sempre sincronizzati: ciò è molto importante, perché consente all’azienda – prima di concedere qualsiasi autorizzazione – di verificare che la persona che desidera accedere a database o applicazioni varie sia fisicamente presente in ufficio.

 

Ancora, PLAI renderà possibile, per la prima volta sul mercato, l’interoperabilità automatica inter-PACS: gli utenti potranno ridurre il numero di carte multi-accesso perché la stessa carta potrà essere utilizzata per ingressi associati a sistemi PACS differenti. Nel complesso, grazie alle specifiche PLAI l’intero settore conquisterà la funzionalità che ha sempre desiderato senza spendere tempo e denaro nella costruzione di interfacce-cliente fra dozzine di sistemi diversi: con il vantaggio aggiuntivo che tali specifiche si basano su standard già utilizzati nel settore come il Role-Based Access Control (RBAC-RPE) e il Lightweight Directory Access Protocol (LDAP).

 

 

 

www.psialliance.org

 


Tag:   PSIA,   controllo accessi,   sicurezza,  

pagina precedente