Notizie

Business & People

I record del malware nel III trimestre 2013

31/12/2013

MILANO - Panda Security ha pubblicato il report sul malware del III trimestre 2013. Siamo dinanzi a cifre da record: un dato impressionante è quello ottenuto dagli autori di malware, con una quota di 10 milioni di esemplari identificati in soli nove mesi, quantità pari a quella rilevata nei dodici mesi del 2012. I Trojan restano la minaccia più diffusa e la causa principale di infezioni. Tra i codici più rilevanti degli scorsi mesi si è distinto CryptoLocker, un nuovo ransomware che sequestra i documenti degli utenti e richiede un riscatto. Si è assistito anche a un significativo incremento del numero di attacchi che sfruttano la tecnica del DNS cache poisoning, che hanno colpito alcune importanti pagine Web in Malaysia (tra i quali i siti locali di Google, Microsoft e Kaspersky). Android rimane l’obiettivo principale tra tutte le piattaforme mobili, nonostante alcuni attacchi di elevato profilo verso iOS.

Il “primato” degli Stati Uniti


Per quanto riguarda il cyberspionaggio, gli Stati Uniti hanno sottratto il primato alla Cina dopo le rilevazioni di PRISM utilizzato dall’NSA per ottenere dati dalle principali aziende americane tra cui Microsoft, Google, Apple e Facebook. Come ha affermato Luis Corrons, direttore tecnico dei laboratori di Panda Security: “Tutto sembra indicare che ci saranno nuove rivelazioni sui programmi di controllo dell’NSA per spiare in modo indiscreto utenti, aziende e governi di tutto il mondo”. Per quanto riguarda le statistiche del III trimestre 2013, emerge che i Trojan sono ancora la primo posto, con il 76,85%, seguiti da worm (13,12%), virus (9,23%) e adware/spyware (0,57%).

 

Il 78% degli attacchi di questo trimestre è stato causato da Trojan, seguito dal 6,63 da virus, il 6,05 da adware/spyware e il 5,67% da worm. Il paese con il più elevato numero di attacchi? L’America Latina, anche se nella classifica dei 10 paesi più colpiti la Cina è al primo posto con circa il 60%, seguita da Turchia (46,58%) e Perù (42,55%). Fortunatamente l'Europa rientra tra le aree con il minor numero di infezioni. Le nazioni meno colpite sono i Paesi Bassi (19,19%), Il Regno Unito (20,35) e la Germania (20,60%). L’unica non europea presente nella Top Ten è l’Australia, con il 26.67%. 

 

Il report completo è disponibile qui http://press.pandasecurity.com/usa/wp-content/uploads/2010/05/Quaterly-Report-PandaLabs_Q3.pdf

 

Per ulteriori informazioni www.pandasecurity.com  

 


Tag:   sicurezza,   informatica,   ICT,   cyber,   Panda Security,  

pagina precedente