Notizie

Sicurezza, il bando per enti locali e associazioni

12/07/2010
BOLOGNA - (2 luglio 2010) Un milione e mezzo per i progetti locali per la sicurezza proposti da enti locali e associazioni di volontariato dell'Emilia-Romagna. Li mette a disposizione la Regione con il bando 2010, rivolto alle città che vogliano affrontare un problema di sicurezza specifico del loro territorio. Quest'anno, come previsto dal programma di legislatura, è indicata dal bando anche una priorità riconosciuta ai "progetti volti a prevenire l'infiltrazione della criminalità di stampo mafioso".
"Pur non rappresentando un'emergenza del territorio regionale - ha sottolineato la vicepresidente della Regione e assessore alle Politiche per la sicurezza Simonetta Saliera - è nostra convinzione che il tema del crimine organizzato di stampo mafioso stia acquisendo una maggiore rilevanza. Occorre, quindi, una crescente attenzione da parte di tutte le istituzioni. Riconoscendo questa priorità, vogliamo dare alle nostre città un segnale dell'attenzione della Regione a questo tema e una forma di aiuto concreto per i comuni".

Il bando

Da oltre 10 anni la Regione affianca enti e associazioni con l'obiettivo di promuovere un "sistema integrato di sicurezza" delle città e del territorio, grazie alle leggi regionali 3 del '99 e poi 24 del 2003. Fino ad oggi sono stati oltre 530 i progetti locali sostenuti; le attività realizzate spaziano dall'incremento della videosorveglianza alla riqualificazione urbana, dal recupero del degrado urbano alla rivitalizzazione di aree abbandonate, all'animazione sociale e culturale come mezzo per prevenire l'insicurezza, al sostegno alle vittime di reato.
Il bando 2010, che scadrà il 30 luglio, prevede un contributo regionale distribuito in base a una graduatoria risultante dalla valutazione dei progetti pervenuti. Il sostegno massimo previsto per ogni proposta progettuale è di 40 mila euro per le spese correnti e 80 mila euro per le spese di investimento (corrispondenti a una percentuale di sostegno che va dal 40 al 50% delle spese ritenute ammissibili).

Nella selezione dei progetti si terrà conto dell'accurata e documentata descrizione del problema di sicurezza, della coerenza delle proposte e della previsione di un sistema di valutazione dei risultati.

Fonte: ermes.regione.emilia-romagna.it


Tag:   Saliera,   bando,  

pagina precedente