Notizie

Eventi

Inaugurata la nuova sede di Comelit

14/12/2012

ROVETTA SAN LORENZO (BG) - Un'azienda che guarda al futuro, “non al domani, bensì al dopo domani”, per dirla con le parole del suo presidente, Pier Antonio Brasi. Stiamo parlando di Comelit, un'azienda che dal 1956, quindi da oltre mezzo secolo, è protagonista di un'evoluzione sorprendente insieme alle tecnologie di cui è specialista: citofoni, videocitofoni, soluzioni per controllo accessi e videosorveglianza, telefoni e centrali di telefonia. Un mix di innovazione e di passione che ha reso unica un' occasione speciale: l'inaugurazione a Rovetta San Lorenzo, ieri, 13 dicembre, della nuova sede della società, un avveniristico edificio in vetro e alluminio che guarda le montagne. “La sede - ha spiegato Brasi - è stata totalmente rivisitata, negli spazi e nella struttura, per adeguarsi alle necessità di un'azienda che è sempre costantemente cresciuta, sia nella gamma dei suoi prodotti sia nella considerazione da parte del mercato, e che continuerà a farlo”.

Alla presenza di autorità locali e di numerosi partner provenienti da tutta Italia, la serata ha rispettato tutti i crismi di un'inaugurazione “ben fatta”: la benedizione, il taglio del nastro, il giro tra i vari piani, un susseguirsi di uffici spaziosi, accoglienti e moderni, sale, spazi tecnici, un'area di oltre 300 mq per la formazione e l'aggiornamento professionale, un magazzino all'avanguardia, una spettacolare casa domotica per le dimostrazioni. E' subito apparso chiaro che questa nuova struttura non rappresenta soltanto un luogo di lavoro (che peraltro, e questo deve essere sottolineato, è rimasto nel suo territorio originario, a beneficio della comunità locale) bensì la concretizzazione di due principi, non a caso espressi nel brand aziendale: la passione per il proprio lavoro e la capacità di farlo in modo innovativo. In ogni spazio, in ogni ufficio, curato anche nel minimo dettaglio, una gigantografia di personaggi che hanno saputo fare “quello che altri hanno solo desiderato”, da Nelson Mandela a Steve Jobs, a ricordare che sì, è davvero tutto possibile.

Il futuro è One 

Il futuro, la proiezione costante e decisa di questa società verso il domani, ha avuto la sua presentazione ufficiale nella seconda parte dell'evento. Lo hanno illustrato nella sala convegni a una platea tanto vasta quanto incuriosita e attenta, Edoardo Barzasi, General Manager di Comelit e Demetrio Trussardi, Direttore commerciale e consigliere delegato. “ Il futuro del controllo domestico ha un nome e questo nome è “One”. Siamo dinanzi a un oggetto, brevettato e davvero magnifico nella sua apparente essenzialità, che ne racchiude in sé molti altri, una sorta di plancia di comando dall'altissimo contenuto tecnologico che gestisce tutto, un solo codice per una pluralità di funzioni, capace quindi di rispondere a ogni esigenza: dimmer, cambiacolori, termostato, automazione... si possono avere 27 pulsanti da un unico punto di comando.

La soluzione, “un privilegio” destinato a una fascia residenziale alta, è integrata anche sotto il profilo estetico all'altra gamma di novità rivelata in anteprima durante la presentazione: un videocitofono touchscreen che è anche supervisore domotico e che, come il prodotto appena descritto, verrà commercializzato nel corso del prossimo anno. Dopo questa presentazione e l'esposizione delle future politiche aziendali verso i partner, il congedo, i ringraziamenti a tutti i dipendenti, “anche quelli che non si vedono”. Poi un video con luoghi da sogno sulle note di Edoardo Bennato, che canta “L'isola che non c'é”, lasciando in noi, presenti, la sensazione che probabilmente è vero, non c'è, ma al tempo stesso la consapevolezza di aver incontrato persone che amano al tal punto quello che fanno da credere che valga la pena, sempre e con appassionata fermezza, di provare a cercarla.

www.comelitgroup.com

 



pagina precedente