Notizie

Eventi

Missione imprenditoriale di Confindustria Anie in Sudafrica

24/10/2012

JOHANNESBURG - Si sta svolgendo in questi giorni (21-25 ottobre) un'importante missione imprenditoriale di Confindustria ANIE in Sud Africa. L'iniziativa e' realizzata in collaborazione con la sede ICE di Johannesburg e vi aderiscono 10 imprese della Federazione che stanno svolgendo circa 100 incontri d’affari con aziende locali operanti nel campo dell’energia, dell’automazione, dei trasporti ferroviari e della sicurezza, al fine di aggiudicarsi commesse per 30 miliardi nel settore energetico e 26 miliardi in quello dei trasporti. “L’attenzione di Confindustria ANIE nel promuovere il Made in Italy tecnologico all’estero – ha dichiarato Claudio Andrea Gemme, Presidente di Confindustria Anie – si è rivolta con questa missione verso un mercato non vicino ma di grande interesse per lo sviluppo infrastrutturale, che giocherà un ruolo cruciale per la crescita del Paese nei prossimi anni.

 

Il governo locale ha infatti pianificato massicci investimenti nelle infrastrutture tecnologiche per energia e trasporti. L’ICE ancora una volta ha mostrato forte impegno per supportare le aziende italiane in un Paese dal contesto difficile ma con grandi opportunità”. Sono circa 50 le imprese italiane attive in Sud Africa con una quota sul totale degli investimenti diretti esteri implementati nel Paese pari al 3%. Complessivamente, al 2011, il nostro Paese ha realizzato in Sud Africa investimenti diretti esteri pari a 500 milioni di Euro. I principali settori nei quali sono coinvolti gli investitori italiani sono la Meccanica strumentale, la Componentistica, i Mezzi di trasporto, la Chimica ed il Tessile- abbigliamento. Nel 2011 l’export italiano nei settori dell’elettrotecnica e dell’elettronica ha inciso per il 9% sul totale esportato dalle imprese italiane verso il mercato sudafricano.

 

In particolare, a fine 2011 le esportazioni italiane di tecnologie elettrotecniche ed elettroniche verso il Sud Africa ammontavano a 156 milioni di Euro. Nel primo semestre del 2012 le esportazioni di elettrotecnica ed elettronica dall’Italia verso il Sud Africa hanno toccato i 75,4 milioni di Euro. Uno sguardo nel dettaglio ai comparti che hanno generato più esportazioni verso il Sud Africa nel 2011: le tecnologie per la Produzione, Distribuzione e Trasmissione di Energia (58,7 milioni di euro), gli Apparecchi Domestici e Professionali (30 milioni di euro) i Cavi (14,7 milioni di euro). Per quanto riguarda l’industria Elettronica, a risultare prevalenti nel 2011 sono state le vendite dall’Italia verso il Sud Africa dei comparti Automazione e misura (21,4 milioni di Euro) e ICT (13,9 milioni di Euro).

 

Nell’arco dei prossimi 9 anni, il Governo sudafricano ha stanziato una cifra pari a 320 miliardi di Euro per migliorare le infrastrutture del paese. Il piano di sviluppo prevede, in particolare, investimenti consistenti nel settore dell’Energia e in quello dei Trasporti. Tra gli obiettivi primari vi è quello di aumentare la capacità produttiva da fonti alternative, promuovendo il settore delle energie rinnovabili e il nucleare. Tra le varie iniziative, è da citare il progetto “Kathu Solar Facility 75 MW”, avviato circa un anno fa e considerato il più grande progetto di fotovoltaico attualmente in essere in Sud Africa. Nel giugno 2012 ha preso il via la fase di costruzione: si stanno perfezionando la definizione dei componenti e la progettazione esecutiva. La pipeline africana risponderà, per un totale di 690 MW di progetti fotovoltaici ed eolici, ai nuovi step di sviluppo deliberati dal Governo Sudafricano che prevedono, entro il 2013, la realizzazione di centrali ad energie rinnovabili per un totale di 3,7 GW.

 

www.anie.it


Tag:   ANIE,   energia,   sicurezza,   automazione,  

pagina precedente