Notizie

Al via il nuovo passaporto elettronico antiterrorismo: le novità

08/05/2010

RAVENNA - A partire da questa settimana, dopo una fase sperimentale attuata in alcune Province campione dal Ministero dell'Interno e degli Affari Esteri, partirà anche a Ravenna il nuovo passaporto elettronico antiterrorismo.

Si tratta di una evoluzione del passaporto elettronico dotato di microchip che era stato introdotto con i provvedimenti sulla sicurezza emanati di seguito all'attentato alle "torri gemelle" di New York.

In tutta Europa è stato introdotto un nuovo modello di passaporto che, oltre a contenere i dati biometrici della persona, memorizza l'impronta digitale del titolare del documento. Questo permette alla polizia di frontiera di verificare immediatamente, tramite un'apposita apparecchiatura, l'identità del viaggiatore evitando la possibilità di contraffazione del passaporto.

Ora, anche nella provincia di Ravenna, il cittadino che richiede il passaporto dovrà rilasciare, mediante una apparecchiatura elettronica le impronte dell'indice di entrambe le mani. L'obbligo riguarda i maggiori di 12 anni. Fino a quell'età il minore otterrà un proprio passaporto individuale (dal 25 novembre 2009 non è più possibile l'inserimento nel documento dei genitori), che però non recherà l'impronta.

Ai fini della tutela della privacy, a parte la liberatoria che il richiedente firmerà all'atto della richiesta, le impronte saranno tenute in memoria negli archivi di polizia solo per i dodici giorni successivi al ritiro del documento. In sostanza, l'impronta resterà per sempre nel microchip del passaporto, ma non negli schedari di polizia.

Fonte: ravennanotizie.it


pagina precedente