Notizie

Business & People

ANIE Sicurezza, ANCISS si trasforma in occasione dei suoi 25 anni

05/12/2011

MILANO - Incisive e chiare le parole che Florindo Baldo, Presidente di Anciss, ha pronunciato, lo scorso 1° dicembre, durante la celebrazione del 25° anniversario dell'Associazione: sicurezza e domotica, sicurezza e comunicazione, sicurezza ed etica. Cardini della sua visione sono infatti l'integrazione tra sicurezza e automazione dell'edificio, la volontà di comunicare correttamente al fine di conseguire gli obiettivi prefissati, la consapevolezza, infine, che sicurezza ed etica costituiscono un binomio inscindibile. In occasione della celebrazione dell'importante traguardo, che si è svolta alla presenza di un ampio pubblico presso l'Hotel Westin Palace di Milano- è stato presentato il volume "25 anni di ANCISS. Passato, presente e futuro della Sicurezza in Italia". Il testo offre una completa e interessante analisi del settore della sicurezza e della sua evoluzione negli ultimi 25 anni. La storia dell'industria della sicurezza in Italia ha inizio alla fine degli anni '60, ma il passaggio verso la creazione di un mercato strutturato avviene nella prima parte degli anni '70, con un deciso consolidamento del mercato tra gli anni '80 e '90. L'opinione pubblica, e questo è l'aspetto che più caratterizza quel periodo, comincia ad assegnare un primo, vero riconoscimento al ruolo che le tecnologie svolgono nella prevenzione degli atti criminosi. ANCISS nasce nel febbraio del 1986; nel 2000 fa il suo ingresso in Confindustria ANIE. In questo periodo acquista centralità il dialogo intersettoriale, anche grazie alla costante integrazione fra diverse tecnologie. La svolta per il mondo della sicurezza avviene però l'11 settembre del 2001, data che segna uno spostamento degli obiettivi: da un punto di vista più safety oriented (sicurezza antincendio e ambientale) si passa a un'ottica più mirata alla sicurezza anticrimine e della persona. Ma veniamo ai giorni nostri. Nel 2011, l'industria italiana della Sicurezza e Automazione Edifici rappresentata in ANIE Sicurezza - il nuovo brand scelto per rappresentare ANCISS nel terzo millennio - è stata espressione di un fatturato totale notevole, pari a 1.917 milioni di euro (con un incremento del 4,9% rispetto al 2010). Positivo tanto l'andamento del mercato interno (+3,4% rispetto al 2010), tanto quello del canale estero. A fine 2011 le esportazioni di comparto, pur rappresentando un valore ancora contenuto - equivalente a 250 milioni di euro - hanno registrato una significativa crescita (+22,9%), confermando il trend positivo dell'anno precedente (+18,9% la variazione annua rispetto al 2009). Legittima quindi la soddisfazione del Presidente: "L'eccellenza dell'industria italiana fornitrice di tecnologie per la Sicurezza e Automazione Edifici rappresentata da Anie Sicurezza trova dimostrazione in una storia pluridecennale che parte dai primi anni '70 e arriva ai nostri giorni. In un momento congiunturale estremamente delicato come l'attuale, che non risparmia le componenti più vitali dell'economia italiana, i risultati positivi conseguiti dal comparto nel 2011, sia sul fronte domestico sia su quello estero, sono frutto dell'impegno e dei sacrifici delle imprese, che in questi momenti decisamente critici hanno continuato a puntare su innovazione e qualità." Baldo ha poi puntato l'attenzione su quelli che ritiene siano stati motivi più forti di questo sviluppo: integrazione tecnologica, efficienza energetica e standard qualitativi elevati, uniti alla capacità di rispondere prontamente all'evoluzione della domanda espressa dagli utenti. Si è quindi congedato affermando che sarà ancora questa capacità "uno dei punti di forza che accompagna e che continuerà ad accompagnare nei prossimi anni il cammino delle nostre imprese. Gli operatori della Sicurezza sono già preparati ad affrontare le sfide di un mercato in continua trasformazione".

www.anciss.it



pagina precedente