Notizie

Business & People

Anche la sicurezza tra le priorità della guida "Methodology Action Plan for good planning and designing of urban open spaces"

08/11/2011

BRUXELLES - Per ora disponibile soltanto in inglese, la guida "Methodology Action Plan for good planning and designing of urban open spaces" si rivolge a progettisti, architetti, urbanisti, funzionari pubblici, con l'obiettivo di aiutarli a pianificare e disegnare nel modo migliore gli spazi urbani. L'utile strumento è stato sviluppato nel corso dell'ultimo anno da un team internazionale di esperti di diverse discipline (nel team vi sono anche criminologi di RiSSC, Centro Ricerche e studi su sicurezza e criminalità) nell'ambito del progetto europeo "UrbSpace - migliorare la bellezza e la qualità degli spazi urbani". La metodologia si basa su una visione di ampio respiro, che si ispira a principi ecologici, sociali ed economici legati al tema della sostenibilità, al fine di modificare la vivibilità, la sensazione di benessere e la soddisfazione di cittadini e turisti che utilizzano le piazze, strade, giardini di un contesto urbano. Tra gli obiettivi prioritari anche quello di garantire la sicurezza, il movimento, l'accessibilità e l'utilizzo migliore degli spazi da parte degli utenti. Per questa ragione, l'analisi degli spazi ha toccato vari aspetti, non solo criteri ambientali, processi partecipati, ma anche sicurezza e coesione sociale, accessibilità e design.

Nuovo è l'approccio; in genere, infatti, la maggior parte dei progetti urbanistici (siano essi di riqualificazione o di nuova costruzione) si esaurisce con l'inaugurazione. Non è previsto alcun monitoraggio dell'utilizzo di quanto realizzato, né di altri aspetti, come ad esempio la manutenzione. La metodologia individuata in questa Guida si è basata invece tanto sull'analisi di alcuni progetti pilota, in parte italiani (Asti e Milano) e in parte stranieri, quanto su un approfondito lavoro scientifico. Tale lavoro è giunto a sintetizzare una serie di elementi che devono essere tenuti in considerazione quando si disegna uno spazio urbano, criteri che possono essere applicati su ogni scala, dal singolo appartamento al grande quartiere, fino a una nuova città. Il compito di trovare gli elementi perché ogni progetto possa essere un progetto di successo spetta a ogni singolo professionista che deve possedere una visione ampia, capace di guidare l'intero processo lungo tutto il suo percorso. Per realizzare le varie fasi, la metodologia contiene sei "checklist", che non contengono soluzioni tecniche ma indicazioni su quanto debba essere valutato. Tra queste, una è dedicata alla sicurezza, ritenuta uno degli obiettivi prioritari della progettazione ideale del prossimo futuro.

www.urbanspaces.eu


Tag:   sicurezza,  

pagina precedente