Notizie

Business & People

Prefettura e Camera di Commercio di Napoli: Protocollo di Intesa per una maggiore sicurezza

12/10/2011

NAPOLI - "Protocollo d'Intesa. Bando per la concessione di contributi agli investimenti per la riqualificazione e il potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza nelle piccole e medie imprese commerciali, maggiormente esposte al rischio predatorio": è questa l'articolata denominazione di un patto siglato tra Prefettura di Napoli, Camera di Commercio, Forze dell'ordine e commercianti (benzinai, farmacisti, orafi e tabaccai in particolare) con l'obiettivo di aumentare la sicurezza per queste categorie commerciali particolarmente esposte, soprattutto nell'attuale, difficilissima congiuntura economica. Soltanto per l'installazione di telecamere è previsto uno stanziamento di 150 mila euro.

In occasione di una conferenza stampa, avvenuta il 10 ottobre scorso presso la Camera di Commercio partenopea, i rappresentanti degli enti istituzionali, il prefetto Andrea De Martino, il presidente dell'ente Camerale, Maurizio Maddaloni, il questore Luigi Merolla e il referente della Sicurezza presso la giunta Regionale della Campania (già questore di Napoli) Franco Malvano, hanno presentato ai sindacati di categoria degli esercenti, Confcommercio e Confesrcenti, il nuovo piano sicurezza.

Si tratta di un segnale forte di cui la città aveva estremo bisogno e che si accompagnerà a un sempre maggior impegno da parte delle Forze dell'Ordine per contrastare ogni forma di criminalità. I risultati, da questo punto di vista, si sono già visti. Nel periodo compreso tra il 1 luglio e il 30 settembre si è registrato un aumento di denunce e arresti, dai 622 del 2010 ai 743 del 2011. Il protocollo prevede la promozione, tra gli iscritti a confederazioni e associazioni aderenti, dell'utilizzo di un sistema video allarme antirapina, oltre a misure integrative differenziate a seconda dell'esercizio.

www.ansa.it


Tag:   sicurezza,   telecamere,   vigilanza,   videosorveglianza,   tvcc,  

pagina precedente