Interviste

Formazione, estero e innovazione di prodotto: le strategie di Microvideo nel mercato della security

Incontriamo Andrea Cataldi, Project Manager di Microvideo.

13/05/2015

Passione, tecnologia ed innovazione: la sintesi perfetta dei principi che, attraverso step successivi, hanno guidato Microvideo, proveniente dal settore broadcast, a operare con successo nella videosorveglianza e, in tempi più recenti, nell’antintrusione e nella sicurezza attiva dei nebbiogeni. Con uno sguardo rivolto in particolare ai mercati esteri.

L’azienda abruzzese, che all’attività di progettazione e produzione diretta, affianca anche quella di importazione, vanta un catalogo competitivo, specialmente nel settore del videocontrollo, con diverse novità in rampa di lancio sul fronte dei prodotti così come nell’ambito dei servizi. Di questo e delle aree alle quali Microvideo dedicherà le proprie energie e risorse nel 2015, parliamo con il Project Manager dell’azienda, Andrea Cataldi.   

Oltreché nel settore broadcast, in trent’anni vi siete conquistati un mercato anche nel campo della sicurezza. Si ritiene soddisfatto della diffusione dei prodotti Microvideo nei settori della security in cui operate? Qual è in particolare il segmento che vi vede maggiormente presenti?

Siamo molto soddisfatti degli obiettivi che abbiamo raggiunto, prima di tutto per ovvi motivi aziendali, ma soprattutto perché rappresentano una conferma delle scelte che abbiamo fatto riguardo ai nostri prodotti. In molti casi, abbiamo integrato prodotti diversi in un’unica soluzione, “migrando” la nostra esperienza da un settore all’altro. Una considerazione riguardo alla nostra presenza nel settore della videosorveglianza: ci siamo da molti anni, con soddisfazione! Basti pensare che siamo stati una delle prime aziende in Italia a realizzare un DVR non su base PC, mentre nel mercato dell’antintrusione e della sicurezza attiva dei nebbiogeni siamo presenti solo da alcuni anni, ma proprio per questo motivo sono i comparti nei quali abbiamo registrato una crescita maggiore.   

Può illustrare gli aspetti che rendono competitiva la vostra azienda? 

Se dovessi condensare in una frase la risposta, direi: “Ci piace quello che facciamo”.  Siamo una società di progettazione e quello che amiamo fare è realizzare prodotti utili ai nostri clienti. Per inquadrare in modo corretto ed efficace la risposta, affinché  non resti solo uno slogan, vorrei ricordare alcuni prodotti che abbiamo realizzato. Come accennato prima, alla fine degli anni Novanta, abbiamo realizzato uno dei primi DVR digitali non su base PC. Negli anni successivi abbiamo realizzato la linea DVR WALL, un DVR con case metallico per il montaggio a parete e alimentazione di backup incorporata. Nel 2010 abbiamo realizzato un innovativo sistema di antintrusione, SYNERGY, che negli ultimi anni abbiamo dotato di nuovi servizi fruibili attraverso il nostro CLOUD. Nel 2014 abbiamo deciso di realizzare  un nuovo tipo di nebbiogeno: il SynergySMOKE800, il primo nebbiogeno con una centrale di antintrusione integrata.

Per l’anno in corso, quali sono le sfide che Microvideo deve affrontare?

La crescita che abbiamo registrato in alcuni settori ci ha portato ad effettuare delle operazioni di consolidamento sul territorio italiano, ma il mercato estero resta uno dei nostri principali obiettivi

Infatti all’estero siete già presenti in vari Paesi, in Europa, Nord Africa e America Latina: è un risultato notevole per un produttore italiano in ambito security. Avete dei piani per consolidare la vostra rete e sviluppare il fatturato relativo all’export?

Ogni mercato ed ogni nazione sono un percorso specifico. In questo periodo stiamo ottenendo diverse soddisfazioni in America Latina, tra il Perù e il Brasile. Per questo motivo siamo in trattativa con alcuni partner locali, per valutare come proseguire la nostra presenza nel territorio. Abbiamo avviato dei primi contatti per il mercato E.A.U…. ma  questa è un’altra storia, magari per un’ulteriore intervista

A proposito di investimenti, quali sono le aree nelle quali intendete investire risorse nel 2015?  

Quest’anno continueremo ad investire nel capitale umano, come abbiamo fatto negli ultimi due anni. La formazione è la leva su cui stiamo puntando: formazione interna per rispondere sempre, nel modo più adeguato, alle continue evoluzioni delle esigenze del mercato; formazione della filiera di distribuzione, per consentire a tutti di beneficiare delle potenzialità dei nostri prodotti. Inoltre, stiamo consolidando il rapporto con il nostro territorio e, per questo motivo, abbiamo aderito volentieri ad un Polo Tecnologico Professionale, attraverso il quale forniremo dei percorsi di formazione post-diploma per studenti ed eventualmente li affiancheremo, nel caso abbiano un progetto personale da realizzare.

Qualche anticipazione delle novità che lancerete sul mercato o dei progetti in via di sviluppo? 

Abbiamo molti prodotti che stanno per uscire. Nel settore dell’antintrusione stiamo completando il restyling della Tastiera Capacitiva ed entro l’estate arriverà a completare il nostro catalogo una nuova tastiera grafica. Abbiamo inserito dei nuovi servizi all’interno del SyCloud, sia per i Clienti finali che per gli Installatori. Per quanto riguarda il settore della videosorveglianza, stiamo completando il nuovo WALL TVA versione AHD per consentire a tutti di beneficiare delle opportunità che offre la nostra soluzione coniugata con la nuova tecnologia di trasmissione video. Mentre, nell’ambito della sicurezza attiva, è appena uscita la nuova versione di nebbiogeno: il SynergySMOKE400, con le stesse potenzialità del modello superiore ma per ambienti più piccoli.

www.microvideo.eu



pagina precedente