Interviste

Innovazione e partner fedeli: 30 anni di successi per Bentel

Intervista a Paolo Concetti, Senior Product Manager EMEA di Tyco Security Products

15/05/2014

Nata nel 1983 da un progetto interamente italiano, Bentel Security è entrata a far parte della multinazionale americana TYCO nel 2001. In trent’anni l’azienda si è costruita una solida reputazione nei settori dell’antintrusione e dell’antincendio, puntando sulla qualità dei prodotti, l’innovazione tecnologica e l’ottima rete distributiva. Come ci ha spiegato Paolo Concetti, Senior Product Manager EMEA di Tyco Security Products, Bentel e Tyco sono oggi perfettamente integrate. Grazie alla resilienza alla crisi mostrata da antintrusione e antincendio, l’azienda ha potuto valorizzare al meglio i progressi tecnologici degli ultimi anni, cogliendo anche le opportunità legate al settore residenziale. E, dopo i buoni risultati ottenuti nel 2013, Concetti si dice fiducioso in un 2014 ancora migliore.

Nel 2013 avete compiuto trent’anni. Quali sono le risorse e le capacità che vi hanno permesso di arrivare dove siete oggi?

Trent’anni sono tanti e i fattori che hanno contribuito al successo sono anch’essi tanti: prodotti giusti, innovazione tecnologica, attenzione ai costi, qualità, servizio al cliente, etc. Su tutti i fattori, però, vorrei citarne uno che, a mio avviso, è stato di fondamentale importanza: la rete distributiva. I nostri distributori, soprattutto sul mercato italiano, sono veri e propri partner che hanno contribuito in maniera determinante al successo di Bentel in questi anni.

Quali sono i principali vantaggi che avete ottenuto dopo l’acquisizione da parte di Tyco?

A distanza di oltre dieci anni, Bentel è un’azienda perfettamente integrata nella multinazionale leader nel mondo della sicurezza. Oltretutto, negli ultimi anni l’integrazione è stata ancora più profonda e strategica: la strategia viene definita considerando i diversi marchi e i diversi mercati, in modo da sfruttare molto più che in passato le sinergie e arrivare a coprire meglio i diversi segmenti del mercato globale. Anche i centri di ricerca e sviluppo, che prima portavano avanti i progetti in maniera separata, ora condividono progetti, esperienze e tecnologie con l’obiettivo di avere un’offerta di prodotti tecnologicamente sempre più avanzata.

Come descrivereste il vostro attuale modello di business e il vostro posizionamento sul mercato?

Il modello di business non è cambiato e conserva la stessa impostazione del passato. Il nostro interlocutore è il distributore, con il quale abbiamo un rapporto di partnership. In Italia abbiamo la nostra rete di distributori consolidata da diverso tempo: c’è stato negli anni qualche cambiamento, ma direi che più della metà dei nostri distributori sono gli stessi che ci accompagnano da trent’anni.

Bentel è molto attenta anche al rispetto dell’ambiente: quali sono i punti fondamentali della vostra politica al riguardo?

Bentel Security è un’azienda certificata in conformità alla norma UNI EN ISO 14001. Agire nel pieno rispetto della normativa in materia ambientale, implementare i sistemi di controllo e le metodologie di gestione per la protezione dell’ambiente, promuovere modifiche tecniche e di processo per il risparmio energetico, contenere l’inquinamento e i rifiuti e favorirne il riciclaggio: sono questi i punti fondamentali della nostra politica ambientale.

Quali sono i trend più importanti registrati nell’antincendio e nell’antifurto nel corso degli ultimi anni?

Direi che il trend più importante sia stato quello legato all’integrazione con il mondo del video e all’applicazione delle nuove tecnologie basate sul cloud e sulle nuove interfacce utente (come, ad esempio, touch screen e smartphone). Questi trend, però, sono stati declinati in maniera diversa sui vari mercati: dove è preponderante la gestione degli impianti attraverso le stazioni di vigilanza si è registrata un’esplosione del fenomeno video-verifica. Sui mercati in cui l’impianto, specialmente quello domestico, non è generalmente collegato (è il caso dell’Italia), la domanda si è concentrata su soluzioni di “personal monitoring” – e, in questo caso, gli smartphone la fanno da padrone.

Quale dei due settori ha mostrato la maggiore resilienza alla crisi del 2008?

Entrambi i settori, antifurto ed antincendio, si sono difesi bene. Negli ultimi anni abbiamo lavorato su nuovi importanti prodotti per entrambi e settori. Per quanto riguarda l’antincendio, negli ultimi due anni abbiamo avviato un processo di integrazione con altre aziende del mondo Tyco che ha portato nel 2013 alla nascita di un nuovo marchio commerciale: Fireclass. La risposta del mercato è stata ottima perché adesso possiamo contare su una gamma più ampia e, soprattutto, su una rete di vendita globale.

Quali sono i settori verticali per voi più interessanti, in Italia e all’estero?

La gamma di prodotto Bentel si adatta bene sia al settore residenziale che a quelli commerciali e industriali: ma in tempi più recenti è il residenziale ad aver mostrato la maggiore dinamicità. La nuova tastiera touch screen M-Touch e l’App per smartphone sono state pensate e progettate proprio per gli utenti residenziali, puntando sulla semplicità per l’utilizzatore finale che, in maniera molto intuitiva, può sfruttare tutta la potenza della centrale.

Nella classifica generale Top 25 2012 stilata da a&s Italy vi siete posizionati al settimo posto per fatturato e al terzo per EBITDA/V, mentre nella classifica dei produttori avete conquistato la quinta posizione per fatturato. Siete soddisfatti?

Si, lo siamo, anche se non ne facciamo una questione di classifiche. La redditività per un’azienda è fondamentale, e cerchiamo di mantenerla sempre ai massimi livelli. Siamo soddisfatti anche del fatturato: bisogna però ricordare che il dato del 2012 risente della riorganizzazione della divisione antincendio.

Com’è andato il 2013? Aspettative sul 2014?

Il 2013 è stato un anno importante perché abbiamo lanciato una serie di significativi completamenti per la nuova piattaforma di centrali Absoluta, che negli anni è destinata ad affiancare la fortunatissima serie KYO. Abbiamo inoltre avviato delle interessanti strategie di sviluppo in America Latina. Quanto al 2014, è iniziato molto bene e ci aspettiamo di consolidare questo trend.

 

www.bentelsecurity.com



pagina precedente