Interviste

La sicurezza come valore aggiunto nel futuro del settore e di MARSS IP & Security

Intervista a Daniela D’Amico, Marketing & Export Manager di MARSS IP & Security

09/09/2016

MARSS IP & Security, produttore e distributore di sistemi di sicurezza attiva, è un’azienda in continua evoluzione, che negli anni ha affiancato una sempre maggiore forza commerciale all’intensa attività di ricerca e sviluppo. A Daniela D’Amico, Marketing&Export Manager di MARSS,  abbiamo chiesto di condividere la sua visione del mercato della sicurezza, attuale e futuro, e le strategie di sviluppo dell’azienda pugliese.

Dal 2007 siete attivi in diversi segmenti della sicurezza, dall’antintrusione all’antifurto alla videosorveglianza. Qual è il vostro attuale posizionamento nelle singole aree? 

Sicuramente l’antifurto e la videosorveglianza rappresentano una grossa fetta del nostro business, declinati comunque in quella che è la peculiarità dei nostri prodotti; primo tra tutti l’IP controller, che va a coprire, in termini di campi di applicazione, diverse aree del settore, quali anti-intrusione, controllo accessi, gestione domotica e oggi anche comunicazione voip, tramite la nuova funzione di combinatore telefonico IP con anti-jammer. Non di secondaria importanza anche il sistema Lucchetto Elettronico, l’antifurto in fibra ottica plastica per la protezione di qualsiasi bene, incluse le recinzioni, i cavi di rame e altro. Questo sistema è nato dall’esperienza e dall’ampliamento del progetto Solar Defender, l’antifurto per pannelli fotovoltaici. Sul fronte della videosorveglianza, la partnership con Hikvsion ci pone sicuramente in una posizione di rilievo nel mercato e ci permette di offrire ai nostri clienti soluzioni performanti e vincenti.

Quali tendenze avete osservato nel settore della sicurezza, nell’ultimo anno, e come prevedete che si svilupperanno nei prossimi? 

Convergenza in termini di prodotti e soluzioni, ma anche di competenze ed “attori”. Tale fenomeno ha modificato e sta tuttora modificando il settore, con un ritmo sempre più veloce. La tecnologia IP ha sicuramente determinato molti cambiamenti nella sicurezza. Ciò che constatiamo è che si va verso un mercato sempre più professionalizzato, in cui l’installatore deve imparare a presentare la sicurezza non più come centro di costo ma come valore aggiunto per chi la sceglie. Stiamo lavorando in questa direzione, per formare gli installatori, per tempo.

Quali saranno, a suo avviso, i mercati trainanti per l’ulteriore crescita del settore in Italia?

La videosorveglianza continua e continuerà a farla da padrona, questo è un dato certo, ma non sarà più finalizzata alla sola security: sarà rivolta per esempio anche ad attività di market analysis. I nuovi sistemi di videosorveglianza, del resto, sono sempre più in grado di fornire dati e svolgere funzioni che le aziende possono utilizzare quali parti integranti del proprio business. Anche l’antintrusione sta evolvendo verso un concetto più ampio di building automation e smart home, perché i bisogni sono cambiati: accanto alla necessità di sicurezza, notiamo che la parola d’ordine nella scelta non è più solo “convenienza”, ma si stanno affermando anche esigenze di “design”, “qualità” e “personalizzazione”. Grazie alla diffusione degli smartphone, l’utente medio sta diventando sempre più tecnologico: questo fa sì che riesca ad utilizzare anche dei sistemi d’allarme con un elevato contenuto tecnologico e gestirli senza alcuna difficoltà.

Sotto il profilo dell’innovazione tecnologica di Marss, può illustrarci gli sviluppi più recenti e dirci dove indirizzerete i prossimi investimenti?

I nostri investimenti sono in questo momento fortemente concentrati sul progetto IP Controller che sta evolvendo in una nuova “era” , verso un nuovo concetto di sistema in grado di abbracciare in modo trasversale tutti i settori della sicurezza e non solo. Questo perché la nostra missione è da sempre quella di offrire soluzioni innovative per tecnologia, applicazioni e uso, in grado di rispondere in maniera complementare ai sistemi più tradizionali presenti sul mercato. L’abbiamo fatto con i sistemi in Fibra Ottica Plastica ed oggi l’IP Controller rappresenta una sfida da proporre al mercato. 

In quale misura le soluzioni domotiche per la smart home incidono sul vostro business

Oggi rappresentano una parte notevole dei nostri investimenti in R&S, con il progetto IP Controller, in un’ottica comunque completamente nuova e rinnovata. Notiamo che c’è un abuso del termine “domotica” sul mercato, semplicemente perché fa tendenza,  anche se a volte il concetto stesso di domotica sembra sfuggire a chi la vende e la installa. Rendere un edificio smart è sicuramente parte integrante del progetto IP controller, ma non solo.

A quale mercato è destinato principalmente l’IP Controller? Può approfondire i punti di forza del sistema?  

L’IP Controller è, come dicevo prima, un prodotto trasversale che riunisce in modo semplice ed immediato funzioni diverse, per soddisfare esigenze e quindi segmenti di mercato diversi. Con l’ultimo aggiornamento firmware, ad esempio, i nostri moduli IP Controller svolgono anche la funzione di COMBINATORE IP ANI-JAMMER CON FUNZIONE VOIP, una vera novità per il mercato. Il vero plus è che si tratta di un sistema aperto, in continuo divenire e quindi applicabile a 360° per la gestione di in un edificio e non solo. La gestione utente avviene semplicemente via APP, in questo siamo stati precursori, e si interfaccia con qualsiasi sistema e/o impianto già esistente per una gestione smart dello stesso. Un altro punto di forza, la semplicità di installazione e programmazione dei moduli, curati nel design, per integrarsi in modo perfetto in qualunque ambiente.

Negli ultimi due anni avete proseguito il vostro radicamento nel territorio pugliese, con l’apertura di filiali prima a Bari poi a Lecce. Quali altri tappe prevede il vostro piano di espansione commerciale?

Abbiamo aperto a Foggia e avviato una rete di subdistributori nostri partner su tutto il territorio di Puglia, Molise e Basilicata. Supporto tecnico e servizio, a banco, on-line e logistico, sono sempre stati dei punti fermi nella nostra politica commerciale e tutte le nostre filiali sono strutturate in tale senso. Lo step successivo è rafforzare la nostra presenza nel territorio con una figura sempre più dedicata ai mercati verticali, perché riteniamo che la verticalizzazione dell’offerta rappresenti un plus vincente nel nostro settore, che permette di qualificarsi ulteriormente nel mercato. Ovviamente tutto viaggia di pari passo con il mercato nazionale ed internazionale. Una bella sfida, vero?

www.marss.eu

 

 

 



pagina precedente