martedì, 21 novembre 2017

Articoli

Smart Home = opportunità di business

10/11/2017

della Redazione

Nel corso del 2016 il mercato delle soluzioni IoT per la smart home ha registrato una crescita considerevole, lasciando spazio a previsioni positive anche per il futuro: i dati dell’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano confermano, infatti, che il mercato della smart home in Italia ha superato a fine 2016 i 180 milioni di euro, registrando un incremento del 23% rispetto all’anno precedente. In questo processo, gli installatori giocano un ruolo-chiave nel quadro della mercato della sicurezza, con l’82% degli utenti finali che si rivolge alla filiera tradizionale per l’installazione di soluzioni smart home nella propria abitazione. Conoscere il pensiero del canale, analizzarne la predisposizione all’innovazione e la preparazione tecnica, e non da ultimo raccogliere indicazioni sugli utenti finali attraverso la percezione degli installatori: queste le finalità di un’interessante ricerca di recente elaborata da RISCO Group.

La ricerca rileva un forte interesse degli installatori a cavalcare la rivoluzione domestica abilitata dalle nuove tecnologie, con oltre un quarto (26,5%) degli installatori che ha già realizzato installazioni smart home, quasi il 60% che le sta pianificando nel prossimo futuro e il 41% che prevede invece di acquistare un sistema per provarlo in prima persona, al fine di apprenderne meglio i tecnicismi e sperimentarne con mano i benefici prima di proporlo all’utenza finale.

OPPORTUNITÀ DI CRESCITA

I professionisti italiani della sicurezza vedono dunque grandi opportunità di crescita per il proprio business dall’introduzione nella propria offerta di soluzioni per rendere le abitazioni connesse e smart: quasi due terzi (59,7%) degli installatori ritengono di poter così espandere il portafoglio di nuovi clienti, raggiungendo ad esempio anche i giovani e le abitazioni di nuova costruzione. Altre potenzialità a cui si guarda con particolare interesse sono la possibilità di aumentare il valore medio dell’installazione (43,3%) e guadagnare un vantaggio competitivo rispetto ad altre aziende della propria zona (46,5%).

INSTALLATORI VS. UTENTI FINALI

Di particolare interesse l’approfondimento sui vantaggi offerti dall’installazione di una soluzione Smart Home non solo dal punto di vista degli specialisti di sicurezza, ma anche sotto la prospettiva degli utenti finali. Dalla comparazione dei dati emergono interessanti analogie, ma anche differenze, sul percepito di installatori e clienti: sebbene in entrambi i casi la sicurezza sia al primo posto tra i benefici offerti dalle soluzioni smart home – 64,8% per gli installatori vs. 79% per gli utenti finali – comfort e riduzione di costi e consumi vengono però considerati in modo dissimile. Nello specifico, quasi la metà dei consumatori guarda alla possibilità di rendere smart la propria casa come ad uno strumento in primis per ridurre i consumi (42%) e poi per migliorare il comfort domestico (41,5%), mentre gli installatori presentano una percezione dei bisogni degli utenti differente, che corrisponde rispettivamente al 25% (comfort) e 7% (riduzione di costi).

FORMAZIONE CERCASI

Nonostante il mercato della smart home sia in forte crescita e l’Internet of Things prometta di crescere in termini di adozione nei prossimi anni, da questa ricerca emerge che rimane ancora una fetta di installatori italiani che non prevedono installazioni smart home nel breve periodo (14,6% dei rispondenti), manifestando una resistenza al cambiamento che coinvolge, a cascata, l’intero mercato. Tra questi, una percentuale importante (42,9%) ritiene che queste soluzioni siano troppo costose, mentre il 19% ammette di non avere un’adeguata conoscenza e/o formazione in merito e il 14,3% dichiara di non installare sistemi basati su cloud, che è invece fondamentale per l’implementazione di smart home. Di fronte al rischio che queste lacune del canale spingano l’utente finale ad avvicinarsi sempre di più a soluzioni “fai da te”, che non di rado sacrificano la qualità e la professionalità della soluzione, un’azione di formazione e supporto verso i professionisti della sicurezza si rende assolutamente necessaria.

RISCO Group investe in corsi, certificazioni e programmi pensati per affiancare il canale. AIl programma RISCO Stars, ad esempio, offre molteplici vantaggi, compresa la formazione online, e l’interfaccia di gestione RISCO Cloud permette di gestire in modo preciso e puntuale gli utenti e di eseguire controllo e diagnostica da remoto. Il sito RISCO Group offre nuove funzionalità e vantaggi, come la possibilità di trovare l’installatore certificato più vicino. Inoltre il sito consente di consultare un blog per essere aggiornati su novità e suggerimenti di RISCO su sicurezza e smart home e di configurare il sistema più adatto alle proprie esigenze in base alla tipologia di abitazione. www.riscogroup.com



pagina precedente