Articoli

Ospedali: dal controllo chiavi al controllo ronda

16/01/2015

di Fernando Pires,Vice Presidente commerciale e marketing Morse Watchmans

Ospedali e altre strutture di assistenza medica presentano delle sfide uniche per i professionisti della sicurezza. La sicurezza dei pazienti, del personale e dei visitatori è una preoccupazione costante che deve essere bilanciata conservando al tempo stesso un ambiente aperto e confortevole. I beni materiali come i farmaci, le apparecchiature sanitarie e altri oggetti di valore elevato che sono fondamentali per la cura del paziente, richiedono una protezione rigorosa, ma devono essere facilmente accessibili da parte del personale autorizzato. Inoltre, l’aderenza alle normative statali/del settore e ai codici di conformità presenta ulteriori problematiche relative alla gestione della sicurezza della struttura e deve essere inclusa nella strategia complessiva della sicurezza operativa. Il lavoro in tandem di videosorveglianza e controllo accessi, una combinazione della tecnologia di controllo chiavi e dei sistemi di controllo ronda, è una soluzione efficace, come illustrato nei tre scenari che seguono.

Indipendentementedalle dimensioni o dal tipo di struttura sanitaria, un sistema fisico di controllo e gestione chiavi è una tecnologia di sicurezza fondamentale per il controllo delle porte perimetrali e delle porte dislocate in tutta la struttura. Attraverso la custodia delle chiavi in un armadietto antimanomissione, la struttura è in grado di soddisfare gli standard prestazionali per “i controlli ospedalieri in accesso e in uscita dalle aree sensibili alla sicurezza” affermati dalla Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organizations (JCAHO).

I sistemi di controllo chiavi sono una soluzione su misura progettata per registrare la cronologia di accesso per ciascuna chiave che comprende l’utente, la data e l’ora di ritiro/restituzione. Rilasciando le chiavi assegnate soltanto agli utenti in possesso di un codice di autorizzazione valido, il sistema aiuta ad assicurare il rispetto delle politiche e delle procedure standardizzate del settore ospedaliero. Utilizzando uno spazio minimoall’interno della parete, l’armadietto di custodia delle chiavi è in grado di soppiantare cassette di sicurezza obsolete, combinazioni manuali inaffidabili e disordinate targhette di identificazione delle chiavi. Generalmente costruiti in robusto acciaio inossidabile, i sistemi sono progettati per resistere alle forzature e sono dotati di allarme di protezione contro la manomissione. Il software per PC “user friendly” è in grado di integrarsi con il sistema e di fornire transazioni di identificazione in tempo reale, stato, allarme e capacità di reportistica.

I report sulle attività possono essere personalizzati per tracciare i movimenti principali per ora, data e codice utente o per dati biometrici di accesso. Gli sviluppi tecnologici e i nuovi prodotti hanno reso possibile l’integrazione del controllo chiavi come parte integrante della rete dei sistemi di sicurezza di una struttura. I protocolli aperti consentono la connessione al controllo degli accessi e ad altri sistemi attraverso le porte RS-232 o in rete con cablaggio Ethernet per attivare un sistema completo di sicurezza integrata.

Armadietti per i beni aziendali

I dispositivi medici, le radio, i telefoni cellulari, i computer portatili e le altre attrezzature utilizzate dal personale di servizio nell’arco di una giornata, possono rappresentare potenziali violazioni alla sicurezza in caso di furto o smarrimento. Materiali di analisi o dati provenienti da laboratori di ricerca devono anch’essi essere protetti quando non in uso tramite accesso esclusivo da parte di utenti autorizzati. Anche le possibili armi confiscate ai pazienti ricoverati in pronto soccorso costituiscono un potenziale rischio per la sicurezza, se non custodite in maniera adeguata. Per gestire queste situazioni quotidiane, gli armadietti per i beni aziendali, che fanno parte di un sistema di controllo chiavi, sono in grado di fornire la conservazione e la custodia in sicurezza di questi oggetti. Dispositivi di accesso come le tessere magnetiche o dispositivi di prossimità possono anch’essi essere custoditi negli armadietti per i beni aziendali che possono essere configurati all’interno di un sistema di controllo chiavi e utilizzati in qualsiasi combinazione con i moduli chiavi o armadi standard.

Sistemi di gestione ronda

I sistemi di ronda automatici sono strumenti che il personale di sicurezza può utilizzare per svolgere il proprio lavoro in maniera più efficiente ed efficace, contribuendo al tempo stesso a rassicurare il personale ospedaliero sulla sicurezza dell’edificio. Le stazioni sono installate in tutta la struttura e il sistema legge e registra il passaggio del vigilante dotato di dispositivo portatile. Il dispositivo può essere programmato per richiedere ronde sequenziali o casuali, e la guardia giurata può inserire un codice standardizzato in qualsiasi stazione per segnalare un incidente o un potenziale rischio, come il ghiaccio su una passerella o una lampada rotta. In un ambiente medico può essere un enorme beneficio.

 

 

 

Foto: Courtesy Morse Watchmans

 

 

 

 

 


Tag:   ospedali,   sicurezza,   chiavi,   controllo,  

pagina precedente