Articoli

Hdcctv: almeno 5 ragioni per prenderla in considerazione

02/01/2015

di Todd Rockoff, Executive director, HDcctv Alliance

Ogni investimento in videosorveglianza parte con un obiettivo specifico. Quello più comune è l’upgrade di una soluzione preesistente. Gli utenti ormai si aspettano di beneficiare anche sui dispositivi mobili e nei sistemi di sicurezza integrati dei tanti vantaggi del video ad alta definizione. Ed è normale che sia così, perché non esistono più ragioni per non investire in videosorveglianza in HD: affidabilità, praticità, costo e fedeltà dei video sono ormai altamente competitivi. Inoltre la vita quotidiana si svolge ormai in HD: la TV, il PC, i telefoni e i tablet offrono tutti contenuti HDTV. Per non parlare poi delle richieste di utenti esigenti – come i tribunali – che per l’analisi forense esigono prove documentali video ad altissima risoluzione. In risposta a queste necessità, i dispositivi di sicurezza in HD sono diventati disponibili quando lo standard SMPTE ha creato le specifiche di formato HDTV 720p25/30/50/60 1080p25/30. E da qui le varie tecnologie video HD…

All'inizio le telecamere IP a trasmissione Ethernet erano l’unico modo per soddisfare la domanda di videosorveglianza in HD, inoltre il segnale video generalmente arriva sui dispositivi mobili attraverso IP via Internet. La maggioranza dell’industria ha quindi, comprensibilmente, ipotizzato che la migrazione all’HD coincidesse con la migrazione verso l’IP e le telecamere IP. Il che, però, è vero solo in parte. I sistemi security già utilizzano reti IP per l’accesso da remoto, ma la trasmissione su sito locale richiede altre considerazioni, la prima delle quali è che il video IP non richiede telecamere IP! In realtà, le alternative alla trasmissione Ethernet spesso offrono un video IP migliore... a costi inferiori. Nel 2009, l’HDcctv Alliance ha redatto una bozza dell’HDcctv 1.0, lo standard globale per la trasmissione del segnale video in HD in sistemi di sicurezza non-IP.

 

La connessione HDcctv offre istantaneamente i segnali HDTV a massima fedeltà che si estendono per centinaia di metri sul cablaggio TVCC tradizionale, oltre che sul coassiale, Cat5e/Cat6, e anche su cavo telefonico. I nuovi dispositivi disponibili a fine 2014 saranno certificati nel rispetto degli standard HDcctv 2.0 recentemente introdotti, che offrono l’ulteriore praticità di un controllo da remoto al 100% multi-vendor e plug &play: la conformità allo standard 2.0 comporta che l’installatore/operatore di videosorveglianza possa comodamente modificare le impostazioni della telecamera dalla centrale di comando sul DVR GUI. Con un bel risparmio per il cliente.
Ecco cinque ragioni per le quali i system integrator, gli installatori e gli utenti finali dovrebbero prendere in considerazione le telecamere e i DVR HDcctv dal 2014 in poi.

 

1) Migrazione rapida verso il video IP HD
Nella maggior parte dei nuovi edifici e delle nuove strutture, le reti IP ad alta qualità vengono progettate fin da subito, il che riduce uno degli ostacoli all’adozione di telecamere IP: realizzare e mantenere un sistema di connessione all'altezza della funzione di sicurezza da svolgere e sempre attivo, offrendo video in HD di alta qualità senza intralciare le funzioni IT. Tuttavia, convertire i segnali HDTV in flussi di pacchetti Ethernet all’interno della telecamera è sicuro solo in certe applicazioni. Certamente nessun miglioramento alla security nasce dall’estensione della rete LAN locale a tutte le telecamere. Invece i DVR e gli encoder IP HDcctv connettono in modo efficace e con costi contenuti le telecamere HDcctv alle reti IP. L’HDcctv quindi permette più facilmente ai clienti della TVCC tradizionale di godersi la videosorveglianza IP HD.

2) Stessa affidabilità del TVCC tradizionale
Le attrezzature HDcctv hanno la stessa identica architettura di quelle TVCC tradizionali sub-HD: la differenza è che i componenti individuali catturano e processano i formati HDTV piuttosto che quelli PAL o NTSC. A prescindere dal formato del video, la trasmissione Ethernet richiede l’inclusione di gate logici e linee di codice extra nelle telecamere. Principio di base dell'integrazione di un sistema digitale è che maggiore complessità comporta minore affidabilità, dal momento che questi sistemi commettono errori più facilmente e c’è maggiore probabilità di incorrere in bug di progettazione. Inoltre, una telecamera IP non può mai essere più sicura di quella LAN, a prescindere da quanto ben progettata sia. I dispositivi HDcctv, che viaggiano sulla stessa infrastruttura di cablaggio (di cui già si conosce l’affidabilità) delle attrezzature TVCC, garantiscono esattamente la stessa affidabilità delle attrezzature tradizionali TVCC.

3) Stessa facilità d’installazione del TVCC
L’unica differenza operativa tra le attrezzature HDcctv e quelle tradizionali TVCC è che sul DVR GUI HDcctv sono disponibili risoluzioni maggiori. Inoltre, se alcune aziende di installazione hanno fra i loro dipendenti degli esperti IT e IP, altre non ne hanno. L'HDcctv permette agli installatori di fare affidamento sulle capacità e l’esperienza dei loro addetti alla security senza mettere a repentaglio il risultato in termini di qualità dell’immagine.

4) Stesso costo della TVCC tradizionale
Dato che i sistemi HDcctv hanno esattamente la stessa architettura dell’attrezzatura corrispondente sub-HD TVCC, i costi legati all’installazione, all'avviamento dell’impianto e alla manutenzione sono esattamente gli stessi di quelli della TVCC tradizionale. Questi risparmi operativi si trasformano in notevoli risparmi sia per chi realizza l’impianto, sia per il cliente (un aspetto chiave in un contesto economico critico come quello attuale).

5) Live ad alta fedeltà, no compressione
Le telecamere IP comprimono i video per ridurre l’ampiezza di banda del segnale HDTV e permettere la trasmissione Ethernet. Questo processo riduce la qualità del video e aggiunge un potenziale ritardo alla trasmissione del segnale. Le telecamere Hdcctv, invece, generalmente offrono la migliore visione live dei fotogrammi, offrendo immediatamente immagini chiare e ben definite. Questo vantaggio rende davvero le telecamere HDcctv una scelta obbligata per il monitoraggio live on site, ad esempio all’interno dei casinò. Attualmente, il personale addetto alla sicurezza controlla periodicamente i video IP sul proprio dispositivo mobile. E sempre più la fonte del video è in HD.

In sostegno alla migrazione verso l’IP HD
L’HDcctv Alliance è stata fondata partendo dal presupposto che appena l’affidabilità, la praticità e i costi della videosorveglianza in HD si fossero allineati con quelli della videosorveglianza sub-HD il mercato si sarebbe immediatamente spostato sull’HD. La tanto predetta rapida migrazione verso l’IP HD IP è ora imminente. Le telecamere HDcctv offrono funzioni avanzate in HD mantenendo infrastrutture TVCC preesistenti e con minori costi, mentre i DVR HD DVR integrano efficacemente e a basso costo i campi visivi delle telecamere connesse con applicazioni software per sistemi di sicurezza IP. Il risultato è che più clienti godono ogni giorno dei benefici della videosorveglianza in HD. Lo standard HDcctv è quindi, senza dubbio, di aiuto alla migrazione verso la videosorveglianza IP HD. Ed è chiaro che i molti vantaggi di disporre di tecnologie diverse all’interno dello stesso sistema già impongono che un gran numero di sistemi di sicurezza  (ottimizzati in termini di performance e costi) installati d’ora in poi comprendano un mix di telecamere IP HDcctv e TVCC tradizionale.


Tag:   videosorveglianza,   tvcc,   sicurezza,   HD,   IP,  

pagina precedente