Articoli

PSIM e ROI: due sigle a braccetto...per chi sa comunicarlo

05/09/2014

La Redazione

La sicurezza? E’ solo un costo, un inutile balzello da sostenere se si vuole fare business. Questa è la risposta più comune che ci si sente dare quando si propone un sistema di sicurezza. Ma è sbagliata, perché la sicurezza, ed in particolare le soluzioni PSIM, possono al contrario garantire un notevole ritorno dell’investimento. Questo articolo, ispirato al recente White Paper rilasciato da Nice Systems, ci racconta come il Situational Management sia in grado di elevare il livello di sicurezza riducendo le spese fisse e preservando le aziende dall’affrontare spese spesso non necessarie.

Ottenere di più spendendo meno: questa è la prima richiesta del management quando si parla di investire in una soluzione PSIM (physical security information management software platform). L'ottimizzazione dei processi e la conseguente razionalizzazione dei costi è del resto l'aspetto più immediato ed evidente con cui una soluzione PSIM può garantire un ritorno dell'investimento. Offre infatti un risparmio immediato e diretto sulle spese fisse, in genere associato alla capacità della struttura di dare risposte più rapide, efficaci e con un minor impiego di risorse.

Ma c'è una seconda seconda area dove una soluzione PSIM genera un ritorno dell'investimento ed è è la stessa security offerta dai sistemi di sicurezza. Questo aspetto però raramente viene letto in chiave di risparmio, nonostante il potenziale ROI offerto da una soluzione di security possa spesso incidere sui conti di una struttura in maniera decisamente più significativa rispetto alla stessa ottimizzazione dei processi. Pensiamo ad infrastrutture critiche o anche solo sensibili, dove una breccia nei sistemi di sicurezza può portare conseguenze disastrose per l'intero sistema paese.

Ma ripartiamo dal primo punto: la riduzione dei costi operativi.

Risparmio diretto e indiretto

Tra le aree di business dove una soluzione PSIM può generare un significativo risparmio si annovera in primo luogo il miglioramento dell'attività del personale di sicurezza e della sua capacità di risposta, non più legata a fattori umani (e fallibili) come l'esperienza, l'addestramento, l'attenzione o il senso di responsabilità del personale, ma del tutto automatizzata, in modo che chiunque in sala di controllo sia posto nelle condizioni di svolgere efficientemente il proprio compito. Il risultato? Risposte più rapide e puntuali in caso di emergenza; maggiore collaborazione tra diversi dipartimenti operativi; minor tempo di reporting. Ma c'è un ulteriore vantaggio: poiché la PSIM integra sistemi e sottosistemi operativi in diverse location, è possibile accentrare la gestione degli interventi e delle operazioni in una singola centrale di controllo, con evidenti migliorìe.
Un altro aspetto cruciale è lariduzione dei falsi allarmie il conseguente mancato invio di pattuglie sul posto quando non è realmente necessario. Tale errore, seriamente sanzionato in alcuni paesi se coinvolge le forze dell'ordine, presenta un conto salato anche interno all'azienda. Con le soluzioni PSIM, gli addetti alla security verificano invece che l'allarme sia reale prima di coinvolgere una pattuglia, e sanno esattamente che tipo di emergenza è in corso e quindi quali soccorsi allertare e quali risposte occorre porre in essere.

Un'unica interfaccia

Un altro aspetto è prettamente tecnologico ma di vitale importanza: in un settore dove l'obsolescenza è rapidissima e la necessità di facilitare le operazioni di integrazione spesso impone di rivolgersi, per semplificazione, ad un solo vendor, una soluzione PSIMevita il costo di una sostituzione totaledei sistemi preesistenti perché unisce sotto un'unica egida sistemi diversi e supera il problema della standardizzazione presentando un'interfaccia utente e una metodologia operativa standard, a prescindere dai vendor o dai sistemi già utilizzati. L'utilizzo di una singola interfaccia utente riduce poi il tempo di addestramento degli addetti alla sala di monitoraggio e permette di condurre una sola volta esercitazioni e test su potenziali scenari d'allarme (operazione che sarebbe invece molto più costosa e complessa se dovesse esser condotta per ogni singolo sistema aziendale).

Il costo nella non conformità

Nessuno ci pensa mai, ma in molte attività industriali il costo nella non conformità alle disposizioni di legge o agli standard volontari può essere davvero molto elevato. Di più: con norme tecniche che cambiano di continuo, anche mantenere il proprio status di conformità può essere complicato. Le soluzioni PSIM offrono invece dei report automatici per rendere le aziende costantemente conformi e disporre di prove documentali relative a tale conformità, oltre ad assicurare la compliance offrendo costanti indicazioni agli addetti e al management sulle azioni da intraprendere per ottemperare alle norme più aggiornate.

Il valore della “maggior sicurezza”

Veniamo ora al secondo punto del ROI, quello che raramente viene percepito come ritorno dell'investimento: l'elevazione del livello di sicurezza come valore in sé. Che la sicurezza sia importante non è mai posto in discussione, ma misurare “di quanto possa migliorare e come”, beh questo è un altro paio di maniche. Come tradurre in numeri il valore di un aumento della sicurezza? Possiamo intanto suddividere il tema in considerazioni che hanno a che fare con la percezione che il pubblico (quindi la clientela) può avere dell'azienda e la prevenzione di eventi potenzialmente catastrofici.

Percezione della solidità aziendale

L'affidabilità di un brand è sempre più legata al concetto di sicurezza, o alla percezione di sicurezza che viene suggerita ai potenziali clienti. La reputazione e l'integrità di un brand si costruisce sulla base di esperienze positive: regolarità delle operazioni senza interruzioni di servizio, assenza di scivoloni mediatici che possano colpire negativamente l'opinione pubblica (un brand noto come la Barilla rischiò il boicottaggio dell'intera comunità gay per un'infelice dichiarazione del presidente), ma soprattutto presenza di infrastrutture di sicurezza. Un'azienda che tiene alla sicurezza del personale, delle strutture e degli assett, è anche un'azienda che tiene alla sicurezza della clientela e la gente oggi lo sa.

Prevenire una catastrofe...

è meno raro di quanto si posso pensare, anche perché ogni struttura aziendale e organizzativa definisce diversamente il concetto di catastrofe. In genere, per catastrofe si intende un evento con potenziali implicazioni negative di vastissimo impatto: l'esplosione in una piattaforma petrolifera; una breccia nella sicurezza di una struttura finanziaria; la chiusura di un terminal aeroportuale per minaccia terroristica. Tutti eventi che potrebbero causare danni immani.
Ebbene, le soluzioni PSIM avanzate sono in grado di migliorare la capacità di risposta a eventi potenzialmente catastrofici, rendendo la reazione più mirata e il recupero più rapido ed efficace e prevenendo in tal modo perdite ingenti con effetto valanga. Anche se solo una piccola percentuale del potenziale danno viene mitigata dalla presenza di una soluzione PSIM, il ROI è però molto significativo. Sta agli operatori del settore indirizzare i grandi utenti ad avere un approccio a lungo termine quando valutano il ROI di una soluzione PSIM, perché è vero che il valore di un investimento si valuta nell'immediato con il risparmio e l'ottimizzazione operativa, ma è altrettanto vero che le perdite peggiori derivano sempre da eventi rari e imprevedibili, che pertanto vanno considerati egualmente importanti in termini di ROI rispetto all'operatività ordinaria. 


pagina precedente