Articoli

Domotica e gestione intelligente dei consumi

22/03/2012

Questa è l’era delle energie rinnovabili, o almeno del tentativo da parte del genere umano di emanciparsi dai combustibili fossili, e più in generale da tutte quelle fonti energetiche altamente inquinanti e destinate ad esaurirsi. Le fonti di energia pulita e rinnovabile non sono ancora in grado di sostituire le attuali e non lo saranno chissà per quanti anni ancora. Quello che però possiamo fare, in coscienza, è lavorare sul risparmio energetico, ossia sull’ottimizzazione delle energie che abbiamo a disposizione, cominciando soprattutto dal modo di ragionarle, quindi di “viverle”. Se ogni volta che lasciamo scorrere l’acqua calda oltre le nostre necessità, come pure ogni volta che utilizziamo il computer o la tv lasciandoli in standby senza spegnerli; se in tutte queste situazioni ci ricordassimo che gas ed energia elettrica non sono infinite, ma che al contrario hanno durata limitata come la batteria dell’iPhone, sicuramente ci comporteremmo in maniera più responsabile, modificando i nostri stili di vita.

Per aiutarci a modificare e a migliorare le nostre cattive abitudini, a metà degli anni 50, con la terza rivoluzione industriale, è nata la domotica, ovvero l’idea di una casa completamente automatizzata, in grado di facilitare i gesti quotidiani e di ottimizzare il consumo energetico mediante la gestione intelligente di tutte le apparecchiature che abbiamo nelle nostre case. In realtà per molti anni la Domotica, almeno nel nostro paese, è sempre stata considerata alla stregua di una promessa non mantenuta. La colpa è principalmente ascrivibile alle aziende che per decenni hanno investito sullo sviluppo di sistemi proprietari: questo ha rallentato notevolmente l’intero comparto. Nonostante ciò, i numeri ci raccontano di un settore con enormi margini di sviluppo e crescita. Ad oggi, quasi il 50% delle abitazioni di nuova costruzione è realizzato con un sistema di automatizzazione base implementabile. Restano quindi aperti “l’altra metà del cielo”, ossia quel 50% di costruzioni che non vengono realizzate con i medesimi criteri, e l’intero mercato delle ristrutturazioni.

In realtà, un altro serio impedimento alla diffusione dei sistemi domotici e ai relativi device per il risparmio energetico, è dettato da una falsa idea riguardante i costi degli impianti. Ci si chiede spesso se la spesa valga la pena. Un ragionamento corretto in tal senso andrebbe fatto parlando di investimento e non di spesa per la realizzazione di un impianto domotico. Statisticamente il 15% dei costi annui per l’energia è da imputare agli sprechi: un ammodernamento dell’impianto e l’utilizzo di strumenti adeguati potrebbero ridurre gli sprechi e il conseguente caro bolletta, ammortizzando rapidamente l’investimento. Gps Standard ha lanciato sul mercato un nuovo sistema di security, home and building automation, denominato MAZE. Tale sistema è in grado di “dialogare” con le tecnologie presenti in casa e di coordinarne il funzionamento e la gestione dei consumi. Ad esempio, l’utilizzo di Testine termostatiche, applicate su ogni calorifero e connesse tra loro in wi-fi, garantiscono una gestione scrupolosa del riscaldamento, non solo in base all’orario come un semplice termostato, ma addirittura stanza per stanza, variando la temperatura nei diversi ambienti di casa in base alle abitudini.

Il tutto gestibile da remoto grazie a Maze e alle applicazioni per Smartphone. Basta questo semplice accorgimento per abbattere la spesa del riscaldamento fino al 30%. Collegando invece tutti gli elettrodomestici di casa a degli attuatori dimerabili, sarà possibile non solo abbattere di quasi l’80% la spesa per il consumo dei led di standby, ma anche controllare in tempo reale il consumo di corrente dell’elettrodomestico in funzione, con la possibilità, in caso di sovraccarico o di utilizzo in contemporanea con altri elettrodomestici, di gestirne la priorità ed il funzionamento. Inserendo poi la tariffa energetica applicata, sarà possibile con Maze verificare i costi dei nostri elettrodomestici in tempo reale. Dopo oltre 50 anni, la domotica ha quindi trovato il modo di mantenere la promessa fatta alla sua nascita, ossia quella di trasformare tutte le abitazioni in sistemi integrati ed intelligenti, capaci di ottimizzare consumi energetici ed i relativi costi.

www.ecodhome.com, www.gps-standard.com


Tag:   GPS Standard,   energia,  

pagina precedente